Creazione di contenuti: Come creare contenuti di qualità in modo coerente come piccola impresa

Masterclass sul marketing dei contenuti: Quinta parte

Devo confessarti una cosa.

Ricordate tutti quei benefici del content marketing di cui abbiamo parlato nella prima puntata di questa Masterclass? L'aumento delle classifiche SEO, l'incremento del traffico, il miglioramento dei contatti? Il fatto che i contenuti vi aiutano a costruire fiducia e autorità?

Ebbene, questa era solo una parte della verità. Vedete, solo i contenuti validi, pertinenti e di qualità faranno questo per voi. Inoltre, questi benefici si ottengono solo se li create in continuazione: la coerenza è fondamentale.

Come piccolo team di, beh, uno, so che dopo tutta quella strategia, brainstorming e pianificazione, in realtà impegnarsi per creare quei contenuti di qualità è un lavoro dannatamente duro. E con l'ulteriore pressione di dover creare qualcosa che faccia sbavare il vostro pubblico, può essere incredibilmente intimidatorio.

Quello che vi serve è un programma per creare contenuti di qualità, che è esattamente quello che ho preparato per voi. Quindi rimboccatevi le maniche e imparate a creare contenuti di qualità che vi aiuteranno a costruire un marchio di successo.

Questo post è la quinta parte di una nuova serie di Masterclass sul Content Marketing. Crediamo che sia un argomento incredibilmente importante e, secondo un piccolo sondaggio che abbiamo fatto, lo credete anche voi. Il problema è che ci sono così tanti contenuti sul content marketing in giro (a proposito di meta) e molte informazioni sono contrastanti.

Vi proponiamo questa Masterclass in collaborazione con Anouck Meier, Chief Storytelling Officer di Ampersand. Anouck è un conversion copywriter e un content marketing strategist che ha lavorato con numerosi marchi, grandi e piccoli, per aiutarli a raggiungere i loro obiettivi di business attraverso contenuti strategici. Facciamo chiarezza sui contenuti una volta per tutte in una guida completa. Pronti a tuffarvi?

- Jeroen Corthout, cofondatore di Salesflare, un CRM di vendita facile da usare per le piccole aziende B2B

ottenere Salesflare

Qualità, non quantità

Chiunque può creare contenuti mediocri. Alcuni sostengono che Internet sia un enorme ammasso di contenuti mediocri. Creare contenuti che sono stati pubblicati, ripubblicati, riciclati e riproposti un milione di volte è facile, ma non servirà a nulla per la vostra attività.

Al contrario, potrebbe danneggiare la vostra causa. 😳

L'ho già detto e lo ripeto: il content marketing è come un appuntamento. <Se dovete incontrare i vostri suoceri per la prima volta, non vi presenterete con un maglione macchiato, leggermente alticci e pronti a parlare solo del tempo, vero?

Ma è quello che fanno molte aziende quando pubblicano contenuti infarciti di parole chiave e solo poco informativi. Contenuti che non tengono conto delle esigenze del pubblico, sono obsoleti, pieni di errori ortografici o grammaticali, imprecisi o semplicemente sbagliati.

Questo non solo allontana i lettori (e i potenziali clienti), ma disturba anche i motori di ricerca.

Spazzatura in entrata, spazzatura in uscita. Create contenuti di qualità per ottenere lead di qualità.
Garbage in, garbage out: non aspettatevi di generare lead di qualità da contenuti mediocri - Foto di Jilbert Ebrahimi

Ormai è una regola ferrea nella legge del content marketing: Solo contenuti ben realizzati e di alta qualità possono costruire un pubblico, la fiducia e la fedeltà. 

La qualità dei vostri contenuti è anche fortemente correlata al favore con cui il vostro marchio viene visto e visualizzato dai motori di ricerca. Investire in contenuti di qualità significa fare un favore sia al vostro pubblico sia ai motori di ricerca.

Quando si pubblicano contenuti, essere pronti a presentarsi e a dare il meglio di sé.

Portate a vostra suocera una scatola di cioccolatini o una bottiglia di vino e preparatevi a corteggiarla con commenti arguti e complimenti premurosi. In poco tempo scioglierete i cuori (e aprirete i portafogli dei clienti). 😍


Ma aspettate: cos'è un contenuto di qualità?

Ok, i contenuti di qualità vi aiutano a guadagnare l'attenzione delle persone che hanno bisogno del vostro prodotto o servizio. Ma come si definisce un contenuto di "qualità"?

Si riduce a metriche come il "Time On Site" o la frequenza di rimbalzo? Il numero di backlink che il vostro blogpost acquisisce nel tempo? La misura in cui diventa "virale" sui social media?

Probabilmente si potrebbe argomentare per tutti questi elementi (e molti marketer lo fanno). Il problema è che si tratta di elementi che vengono valutati solo dopo la creazione e la condivisione dei contenuti. Non sono certo utili mentre si è in trincea a creare contenuti.

Quello che vi serve è un modo per sapere che i contenuti che state creando per la vostra azienda saranno efficaci in termini di costruzione di autorità e di conquista della fiducia dei clienti.

Nel corso degli anni, lavorando con numerosi imprenditori, aziende e organizzazioni nello sviluppo di contenuti che attraggono un pubblico fedele, sono riuscito a distillare le caratteristiche dei contenuti che funzionano e di quelli che non funzionano.

Queste sono le quattro regole che giuro di seguire per creare contenuti di qualità.

Articolo #1: Stabilire l'autorità

Se volete distinguervi con i vostri contenuti e creare un vantaggio competitivo, dovete creare contenuti per i quali siete unicamente qualificati. Scrivete di ciò di cui siete esperti assoluti e osate andare in profondità, non limitatevi a grattare la superficie.

Esprimete punti chiari e convincenti e dimostrate ai lettori che sapete di cosa state parlando.

A proposito: la creazione di contenuti deve mettere in evidenza la vostra competenza, ma questo non significa che dobbiate sapere tutto su tutto. Rivolgetevi a esperti e chiedete loro di scrivere blog ospiti (come questo!).

Regola #2: essere precisi

Sapete cosa è ancora peggio di un contenuto mediocre? Le fake news.

Ora, non sto suggerendo che tutti i creatori di contenuti mediocri inseriscano intenzionalmente fatti falsi nei loro contenuti (anche se, purtroppo, alcuni lo fanno sicuramente e spesso sono pagati per farlo). Tuttavia, alcune persone si rifiutano di fare il loro compito a casa.

Se volete creare contenuti che vengano effettivamente letti, dovete assolutamente farlo!

  • Fate ricerche sull'argomento di cui state scrivendo.
  • Utilizzare fonti affidabili.
  • Verificate che le vostre informazioni siano concrete, supportate da dati e/o studiate.
  • Un'opinione non è un fatto.
  • E tutti non sono esperti.
verificare i fatti
Non limitatevi a copiare/incollare cose a caso da internet, gente. Verificate i fatti e utilizzate fonti affidabili.

Regola #3: Renderlo pertinente

Ricordate cosa ho detto a proposito di il peccato capitale del content marketing?

Evitate la trappola di creare contenuti egocentrici e concentratevi esclusivamente su ciò che è significativo e rilevante per il vostro lettore ideale. Mentre create i contenuti, chiedetevi:

  • Quanto è utile per il mio pubblico?
  • Quanto si applica alla situazione attuale?
  • Sto fornendo una guida chiara sui passi da compiere per raggiungere il loro obiettivo o risolvere il loro problema?
  • Sto rispondendo alle loro domande in modo migliore e diverso da tutti gli altri?
  • Sto dimostrando loro che so esattamente di cosa hanno bisogno?

Regola #4: aiutarli ad agire

Il vostro pubblico è affamato della vostra visione esperta, ma non sta cercando un'enciclopedia su un particolare argomento. Semplicemente vogliono sapere cosa fare.

Spesso sono alla ricerca di informazioni che li aiutino a fare il passo successivo o a prendere una decisione. Aiutateli ad agire per raggiungere i loro obiettivi: riduceteli in bocconi e fornite consigli e suggerimenti concreti e attuabili.


Processo di creazione dei contenuti alla moda

Ora che sapete a cosa puntare con i vostri contenuti, cerchiamo di eliminare le congetture dal processo di creazione dei contenuti stessi.

1. Scrittura

Parlerò del processo di scrittura perché... beh, è quello che faccio per la maggior parte del tempo. Per altri tipi di contenuti, come i podcast e i video, fate riferimento alla sezione sui formati dei contenuti.

Qualunque sia, il processo di creazione segue regole piuttosto simili:

  • Creare per un lettore e un solo lettore. Non cercate di scrivere per chiunque sia solo interessato. Questo vi costringerà a concentrarvi sul vostro lettore ideale, a usare il suo linguaggio e ad adattarlo alle sue esigenze specifiche.
  • Lo stesso vale per ciò di cui si scrive: attenersi a un messaggio centrale o idea. Evitate di partire per la tangente o di cercare di spiegare una pletora di idee in un unico contenuto.
  • Mettete il beneficio del vostro contenuto dove non può essere ignorato: il "cosa ci guadagno" dovrebbe essere immediatamente evidente dalla lettura del titolo (e dell'introduzione).
  • Rendete i vostri contenuti facili da consumare: non costringete il lettore a cercare le informazioni che sta cercando. Utilizzate titoli, sottotitoli, paragrafi brevi, punti elenco... per strutturare la vostra scrittura e guidarla.
  • Intelligente più che chiaro. Volete che i vostri lettori si relazionino con voi e traggano valore dai vostri contenuti. Ciò che non dovete fare è sommergerlo di gergo o di concetti troppo complicati. Non costringeteli a faticare per capire cosa state dicendo (perché se il vostro messaggio non è immediatamente evidente, si allontaneranno in un batter d'occhio).
creazione di contenuti
Foto di LinkedIn Sales Navigator su Unsplash

Avete bisogno di maggiori indicazioni per scrivere i vostri contenuti? Nella Parte 6 di questa Masterclass, faremo un'immersione profonda nella scrittura di testi.

2. Ricerca SEO

La SEO ha fatto passi da gigante: i motori di ricerca stanno facendo un lavoro molto migliore per comprendere ed elaborare il nostro modo di comunicare.

Cominciano a parlare in modo umano, il che è un'ottima notizia per tutti i creatori di contenuti che si concentrano su una buona scrittura (invece di riempire i loro contenuti di parole chiave e sembrare dei robot).

Una buona scrittura è fondamentale, ma questo non significa che includere un paio di parole chiave in punti strategici non vi aiuterà a posizionarvi bene. Il che significa più occhi sul vostro contenuto. 🤓

La ricerca SEO vi aiuterà anche a determinare se vale la pena investire in un argomento/parola chiave specifica, mostrandovi il volume di ricerca e quanto sia difficile competere per quella parola chiave specifica.

Ecco come si presenta un processo di ricerca SEO di base:

  1. Annota alcune domande che il tuo lettore ideale potrebbe avere in base alle sue difficoltà e ai suoi obiettivi.
  2. Eseguite una ricerca di parole chiave intorno a queste domande. Utilizzate strumenti di ricerca di parole chiave, come Google Keyword Planner, KWfinder, SEMRush, Moz Keyword Explorer o Ahrefs. Digitate la vostra parola chiave su Google e prendete nota delle query compilate automaticamente. In alternativa, è sufficiente scorrere la pagina fino in fondo e controllare la sezione delle ricerche correlate nelle pagine dei risultati dei motori di ricerca (SERP).
  3. Cercate parole chiave che abbiano un volume di ricerca mensile (MSV) significativo e una difficoltà di parola chiave ragionevole, corrispondente alla vostra autorità di dominio. Se non scrivete da molto tempo e la vostra autorità di dominio è ancora bassa, la cosa migliore da fare è puntare su parole chiave a coda lunga e a basso volume (200-1000 MSV) con una difficoltà minima (<30). In questo modo avrete buone possibilità di posizionarvi per le parole chiave e di far arrivare i vostri contenuti al pubblico.

Quindi, una volta pronta la prima bozza, verificate di aver coperto i seguenti punti:

  • Utilizzate la vostra parola chiave nel campo titolo
  • Includete la vostra parola chiave o la vostra frase chiave in una H2
  • Assicuratevi che la parola chiave appaia almeno una volta nel corpo del post (ma non esagerate!).
  • Utilizzate il testo alt dell'immagine (includendo la parola chiave, se appropriato).

E questo è tutto, non deve essere più complicato di così.

3. Modifica

Prima di modificare il vostro pezzo, è sempre una buona idea allontanarsi. Lasciatelo lì per un po', fatelo marinare e tornate ad esaminarlo con occhi puliti.

Rilasciate l'attaccamento e dimenticate che in realtà siete voi ad aver scritto il pezzo. Come redattore, non dovreste avere problemi a modificare il pezzo per produrre un post più coerente e interessante.

Se non potete, come direbbe Stephen King, uccidere i vostri cari, prendete in considerazione la possibilità di far revisionare il vostro lavoro da un membro del team o da un editor esterno.

Quando finalmente tornate alla vostra bozza, concentratevi su leggibilità, SEO, inviti all'azione, link, ortografia e grammatica. Alcuni strumenti che vi aiuteranno a ridurre i tempi di editing sono Grammarly e Hemingway Editor.

Chiedete a Hemingway di aiutarvi a scrivere contenuti migliori
Scrivere o modificare con l'App Hemingway aumenterà immediatamente la leggibilità del testo.

Cercate una voce attiva, un linguaggio chiaro, frasi e paragrafi brevi e molti spazi bianchi. Ricordate di esaminare i contenuti passati per trovare opportunità di linkare il vostro post una volta pubblicato.

Mentre i contenuti sono ancora freschi nella vostra mente, scrivete alcuni post per la promozione sui social media e per il vostro sito web. newsletter via e-mail.

Aggiungete immagini o almeno un'immagine in primo piano efficace: è stato dimostrato che l'aggiunta di un'immagine in primo piano fa aumentare i clic, i preferiti e le condivisioni sui social. Consultate siti come Unsplash o Pexels per le foto e poi usate uno strumento come Canva o Visme per aggiungere un tocco finale. Se avete bisogno di immagini più personalizzate o uniche per il vostro progetto, potete utilizzare un generatore di immagini come Picsart, che vi aiuterà a creare immagini con facilità.

4. Editoria

La pubblicazione non è solo premere un pulsante e farla finita? Sì e no. Se si è agli inizi, si può caricare il pezzo immediatamente. Oppure si può cercare di massimizzarne l'impatto programmandolo in un momento ottimale.

Se siete in attività da un po' di tempo e vi siete impegnati in un programma di pubblicazione regolare, il vostro pubblico si aspetterà di vedere i vostri post uscire a orari specifici: dovreste assolutamente cercare di rispettarli!

Se avete molti contenuti da pubblicare, probabilmente è una buona idea investire in uno strumento di pianificazione dei contenuti, come abbiamo discusso nella quarta parte di questa Masterclass.

Se invece volete automatizzare e snellire il processo di pubblicazione, optate per uno strumento come Story Chief (è quello che abbiamo usato per scrivere, pubblicare e distribuire questo post). Alcune aziende preferiscono utilizzare una piattaforma CMS in grado di archiviare, gestire e pubblicare contenuti di massa come blog, video e landing page di siti web.

Non dimenticate di inserire un link al post del blog tra i contenuti passati e di programmare anche i contenuti sui social media.

Infine, rivedete le analisi nei giorni successivi, dopo una settimana e dopo un paio di settimane per valutare le prestazioni.


Creare altri formati di contenuto

I post dei blog sono un ottimo punto di partenza per il content marketing, in quanto hanno una barriera d'ingresso molto bassa. Non è necessario un designer o un'attrezzatura speciale. Non è necessaria alcuna conoscenza tecnica. Basta iniziare a scrivere e il gioco è fatto.

Molte delle linee guida per i contenuti scritti si applicano anche ad altri tipi di contenuti. Vediamo le specifiche per la creazione di altri formati di contenuto popolari: video e podcast.

Creazione di video

Secondo una recente ricerca, 51% dei professionisti del marketing di tutto il mondo indicano il video come il tipo di contenuto con il miglior ROI. I video sui social generano 1200% di condivisioni in più rispetto a testo e immagini messi insieme.

Tuttavia, se non vi considerate il prossimo Casey Neistat o se non avete un team video dedicato come Gary V, l'idea di produrre video può sembrare opprimente e intimidatoria.

Ma state tranquilli: non avete bisogno di (molte) attrezzature specializzate o di uno studio. Dio solo sa che i video di gatti che attirano milioni di spettatori non hanno subito un processo di produzione professionale. 😼 Se riuscite a raccontare una storia avvincente, non importa se la girate con l'iPhone o con una telecamera professionale. Esistono anche modelli after effects completamente personalizzabili che potete provare!

Non è nemmeno necessario un copione, ma è necessario un piano: pensate a ciò che direte e preparate alcuni punti elenco per strutturare il video. Non dimenticate di includere una call to action alla fine!

Infine, aggiungere le didascalie, poiché la maggior parte dei video viene guardata senza audio.

Produzione di podcast

I podcast sono ancora molto popolari. La presentazione dei contenuti in formato audio attira una parte del pubblico che preferisce ascoltare i contenuti piuttosto che leggere i lunghi post del blog.

Potete iniziare a produrre il vostro podcast senza impegnarvi troppo.

  • Raccogliete la vostra attrezzatura.  Una configurazione di base per il podcasting consiste in un microfono e in un software per la registrazione della voce. Consiglio di utilizzare un microfono esterno USB (rispetto al microfono incorporato del computer), un'interfaccia audio e un software per la registrazione della voce. software di registrazione professionale.
  • Trovate i vostri ospiti o create i vostri episodi. Invece di scrivere una scaletta per un blog, ora si tratta di fare una scaletta per ogni episodio del podcast. Se state facendo un programma di tipo intervista, raccogliete un elenco di ospiti e preparate un modello di e-mail di presentazione.
  • Modificare il podcast. Piena trasparenza: sono alla mia terza stagione di podcasting e non ho ancora montato un solo episodio. Fortunatamente, ci sono moltissime opzioni a prezzi accessibili per assumere un tecnico del suono o un produttore di podcast per cucire insieme i vostri episodi. Tutto ciò di cui avete bisogno sono 4 file: il file audio principale o l'intervista, un'introduzione, un'outro e un jingle.
  • Uscite e fatevi sentire. Ora avete un episodio podcast pronto per essere caricato su iTunes, Spotify, Cucitrice, SoundCloudo in qualsiasi altro luogo e promossi insieme al resto dei vostri contenuti.
creare i propri contenuti podcast
Produrre il proprio podcast non richiede una configurazione complicata - Foto di CoWomen su Unsplash

Mantenere la coerenza

La creazione di contenuti è una maratona, non uno sprint. 🏃‍♀️

Per raccogliere i benefici del content marketing, mantenete la coerenza dei vostri sforzi, impegnatevi a rispettare il vostro calendario dei contenuti e il piano di creazione dei contenuti.

Se siete un piccolo team, organizzatevi in modo da lavorare nel modo più efficace possibile.

Create i vostri contenuti in batch per essere più produttivi e fatevi aiutare dove necessario: assumete un content manager, un editor o un copywriter. Collaborate con i partner e chiedete ai blogger ospiti di contribuire. Se scrivere vi sembra faticoso, affidatevi a un servizio di trascrizione e fate parlare i vostri contenuti (o chiedete al vostro assistente di intervistarvi e di scrivervi un riassunto).

Creare un processo di creazione di contenuti sostenibile a cui attenersi nel tempo richiede molto lavoro e impegno. Se fosse facile, lo farebbero tutti. Ma se riuscite a farlo bene, sarete molto più avanti di tutti.


Qual è il vostro processo di creazione dei contenuti? E siete coerenti? Fatecelo sapere nei commenti.

E non dimenticate di tornare la prossima settimana per la sesta parte della nostra Content Marketing Masterclass sulla scrittura del copy!

ottenere Salesflare

Speriamo che questo post vi sia piaciuto. Se vi è piaciuto, spargete la voce!

👉 Potete seguire @salesflare su TwitterFacebook e LinkedIn.

if(window.strchfSettings === undefined) window.strchfSettings = {}; window.strchfSettings.stats = {url: “https://salesflare.storychief.io/content-creation?id=1166271153&type=2”,title: “Content Creation: How to Create Quality Content Consistently as a Small Business”,id: “b4bf56dd-9b24-4318-a472-b8522fe85e05”}; (function(d, s, id) { var js, sjs = d.getElementsByTagName(s)[0]; if (d.getElementById(id)) {window.strchf.update(); return;} js = d.createElement(s); js.id = id; js.src = “https://d37oebn0w9ir6a.cloudfront.net/scripts/v0/strchf.js”; js.async = true; sjs.parentNode.insertBefore(js, sjs); }(document, ‘script’, ‘storychief-jssdk’))
Anouck Meier