Come dividere l'equity di una startup nel modo giusto

Masterclass sul finanziamento delle startup: Quinta parte

come dividere il capitale della startup
Fotografo: Toa Heftiba

Uno degli aspetti più complicati dell'essere fondatore di una startup è decidere come suddividere il capitale proprio. Si può dare via solo una parte del capitale prima che non lo si senta più proprio.

In questo articolo ci concentreremo sulle tre parti chiave, oltre agli investitori, che in genere ricevono capitale proprio durante la vita della vostra startup:

  • Fondatori
  • I dipendenti
  • Direttori e consulenti

Per ulteriori informazioni su come suddividere il capitale proprio con gli investitori, date un'occhiata al nostro precedente articolo sui gironi di finanziamento delle startup.

Questo post è la quinta parte di un nuovo Serie di masterclass sul finanziamento delle startup. I finanziamenti sono il carburante che alimenta ogni impresa. Conoscere i dettagli dei finanziamenti è quindi essenziale se si vuole che la propria startup abbia successo. Abbiamo cercato una guida compatta ma completa sul finanziamento delle startup e non l'abbiamo trovata da nessuna parte, così abbiamo deciso di costruirne una noi. Questa è la guida essenziale.

Ve lo proponiamo in collaborazione con il più grande acceleratore di startup e scale-up del Belgio Start it @KBC, sostenendo e promuovendo più di 1.000 imprenditori con idee innovative e modelli di business scalabili.

- Jeroen Corthout, co-fondatore Salesflare, un CRM di vendita facile da usare per le piccole aziende B2B

ottenere salesflare

Prima di iniziare, rinfreschiamo le conoscenze sulle differenze tra azioni e opzioni. Quando si parla di proprietà azionaria nel contesto di dipendenti e consulenti, spesso si parla di concessione di stock option e non di azioni vere e proprie.

Chi ha già una buona conoscenza può passare subito alla sezione successiva.


Prima di immergersi: le differenze tra azioni e opzioni

I compensi in azioni si presentano tipicamente in due forme: azioni o opzioni. Le differenze possono essere riassunte in quattro categorie.

Proprietà dell'azienda

Se possedete azioni di una società, siete immediatamente un azionista con gli stessi diritti di tutti gli altri azionisti.

Con le opzioni, invece, si possiede solo il diritto di acquistare azioni a un prezzo predefinito (prezzo di esercizio) a una data futura. Ciò significa che non siete azionisti finché non convertite le opzioni, pagando il prezzo di esercizio alla data prestabilita, e non ricevete le azioni.

Non avete quindi alcun diritto di dividendo o di voto finché non diventate azionisti convertendo le vostre opzioni. In genere i titolari di opzioni scelgono di non convertire fino al momento dell'uscita dall'azienda. In quel momento le opzioni vengono convertite prima della vendita, dopodiché le azioni vengono vendute insieme al resto della società. Un motivo fondamentale per non seguire questa strada sono le implicazioni fiscali, che dipendono in larga misura dal regime fiscale del vostro Paese.

Fabbisogno di cassa

Quando le azioni vengono emesse e assegnate, il titolare deve acquistarle a un prezzo. Nella maggior parte dei casi questo prezzo è fissato al valore nominale (in genere $0,01 per azione) e richiede un minimo di contanti.

Nel caso delle opzioni, non c'è un prezzo da pagare al momento della ricezione, ma il prezzo al quale l'opzione può essere convertita è definito dal prezzo di esercizio.

Questo prezzo potrebbe essere fissato allo stesso valore nominale di $0,01 per azione, ma nella maggior parte dei Paesi ciò ha un'implicazione fiscale molto negativa, per cui di solito il prezzo di esercizio dell'opzione viene fissato al "valore equo di mercato".

Il valore equo di mercato è simile a quello pagato dagli investitori nell'ultimo round di finanziamento.

Insieme, questo porta al fatto che il titolare delle opzioni avrà bisogno del contante necessario per convertire le sue opzioni in azioni.

Maturazione

Questo argomento verrà approfondito più avanti in questo articolo. Per ora, è importante capire che la maturazione consente di definire il modo in cui le persone ricevono le loro azioni in un periodo di tempo.

Ad esempio, un periodo di maturazione di 4 anni significa che la persona riceverà 25% delle azioni date nel primo anno, 25% nel secondo anno e così via. Inoltre, è possibile stabilire diverse condizioni. Una delle condizioni più comuni è che il dipendente deve rimanere con l'azienda. Pertanto, se il dipendente lascia l'azienda alla fine del primo anno, riceve solo 25% delle azioni.

La distinzione importante tra azioni e opzioni in termini di maturazione è che le opzioni hanno maturazione anticipata e le azioni maturazione inversa.

Rimanendo nel nostro esempio, ciò significa che il dipendente riceve tutte le azioni il primo giorno, ma deve restituire 75% delle azioni se lascia il lavoro dopo un anno.

Nel caso delle opzioni, il dipendente non ha opzioni il primo giorno e riceve 25% dopo un anno.

Anche questo ha implicazioni sui diritti di voto e sui dividendi.

imposte sul patrimonio netto delle startup
Fotografo: Kelly Sikkema

Tasse

Si tratta di un argomento molto importante sia per l'emittente che per il destinatario del compenso azionario. Si tratta inoltre di una materia molto legata alla realtà locale, per cui è bene consultare il codice fiscale locale o rivolgersi a un commercialista.

In generale, le regole fiscali sono le seguenti.

Se si distribuiscono azioni a sconto (ad esempio, al prezzo nominale rispetto a quello di mercato) a qualcuno, questo viene visto come un reddito immediato. Pertanto, molto probabilmente questa persona (o società) deve pagare le tasse su questo reddito.

Se si distribuiscono le opzioni, non è necessario pagare le tasse al momento della ricezione. Tuttavia, al momento della conversione, la differenza tra il prezzo di mercato e il prezzo d'esercizio è un reddito probabilmente tassabile.

Per semplicità, escludiamo dalla discussione le potenziali imposte sulle plusvalenze.


Siete tutti aggiornati su azioni e opzioni? Andiamo. 👇


Fondatori

Come dice Michael Seibel di acceleratore di startup Y Combinator: "Queste sono le persone con cui farete la guerra".

Decidere come dividere il capitale della vostra startup tra i cofondatori significa trovare il giusto equilibrio in modo che tutti rimangano motivati durante il percorso. Compresi voi stessi.

Iniziamo con l'avere una visione realistica di ciò che significa essere un fondatore di una startup di successo alla fine del percorso. Osservate attentamente il seguente grafico di Capshare, che si basa su un'analisi di 5000 tabelle di capitalizzazione, per avere aspettative ragionevoli sulla proprietà dei fondatori.

ripartizione del capitale per i fondatori in base alla fase
Fonte: Capshare

Come si può vedere, il grafico mostra che i fondatori in genere detengono tra il 10 e il 20% del capitale della startup. Ora la domanda rimane: "Quanto di questo sarà vostro?".

In linea di massima, quando si tratta di questo argomento ci sono due strade da percorrere. O si va avanti e si divide il capitale in parti uguali, o si cerca di trovare un modo intelligente ed equo per dividerlo in parti uguali.

Dividete equamente il vostro patrimonio netto

Ci sono diversi sostenitori di questo approccio alla suddivisione del capitale proprio in una startup. I sostenitori lo descrivono come segue.

Come si può giustificare la differenza all'inizio della startup, sapendo che si tratta di un percorso così lungo e faticoso?

Anche se avete avuto l'idea originale, avete l'esperienza maggiore o vi state impegnando di più in questo momento, come potete giustificare il fatto che queste differenze saranno così decisive per costruire insieme una grande azienda nei prossimi 7 o 9 anni?

Forse, se non volete dividere equamente il vostro capitale con i vostri co-fondatori, non avete trovato le persone giuste?

Queste argomentazioni sono radicate nella convinzione che l'esecuzione futura sia più importante delle idee iniziali e che una suddivisione paritaria delle quote azionarie generi la massima motivazione tra i fondatori.

Naturalmente, si invocano anche vari meccanismi di protezione per i casi in cui tutto vada a rotoli, ma di questo parleremo più avanti.

Ora, i proponenti hanno alcuni punti validi, ma ciò non significa che tutti siano d'accordo con questa decisione; e forse non dovrebbero esserlo.

Aspettate, pensiamoci un secondo

Prima di decidere di dividere equamente il capitale della vostra startup, potrebbe essere opportuno riflettere un po' di più e porsi altre domande.

Potete avere una buona relazione?

Non è necessario che vi frequentiate (alcuni potrebbero addirittura trovarlo problematico), ma è importante riflettere sul vostro rapporto personale prima di fondare una startup.

Siete pronti a trascorrere più tempo con questa persona (o con queste persone) che con i vostri amici e familiari più stretti messi insieme?

Sarete in grado di affrontare insieme i momenti difficili?

Avete mai gestito i disaccordi e come risolvereste le divergenze con i vostri cofondatori?

Se una di queste domande vi mette a disagio, forse è meglio rivedere le vostre scelte e considerare di cambiare il vostro team di co-fondatori.

dividere il capitale tra i fondatori
Fotografo: Helena Lopes

Avete visto la loro capacità di fornire un lavoro di qualità?

Anche se il vostro cofondatore potrebbe presentare il set di competenze ideale sulla carta, è importante capire la sua capacità di fornire risultati coerenti.

Date un'occhiata ai progetti precedenti, parlate con gli ex colleghi, provate a lavorare prima su un progetto non correlato o utilizzate un periodo di prova.

Condividete priorità e aspettative simili?

All'inizio, le persone sono facilmente entusiaste e impegnate in un nuovo progetto, ma questo potrebbe svanire rapidamente.

Cercate di capire perché il vostro co-fondatore è motivato a unirsi a voi. È per via di una missione condivisa? O è solo perché il vostro co-fondatore ha paura di dirvi di no?

Come vede i suoi ruoli e contributi a lungo termine?

Forse è lo sviluppatore fantastico che stavate cercando. Finalmente qualcuno che è entusiasta di trasformare la vostra visione in un MVP.

E tra un anno?

È importante non basare la propria decisione sullo stato attuale dell'azienda. Se tutto va bene, troverete un co-fondatore in grado di fornire valore a lungo termine.

Ma allora come si fa a dividere il capitale di una startup?

Non esiste un modo universalmente corretto per farlo. Ma ecco alcuni suggerimenti.

Concordare un metodo

Perhaps you prefer to use a theoretical approach like the shareholder’s pie calculator. Or you decide to work with a contract to reward various milestones to come to an equity split.

Qualunque sia il metodo scelto, è importante che sia chiaro a tutte le parti coinvolte. Assicuratevi che il processo sia ben compreso, chiaramente definito e concordato. In questo modo si eliminano le discussioni successive.

Siate corretti

Come dice Kevin Systrom di Instagram: "Dovreste cercare di essere il più equi possibile per la fase in cui si trova l'azienda". Per Kevin, la suddivisione delle quote azionarie delle startup è qualcosa che dovrebbe essere riconsiderato spesso, pur puntando sempre a essere equo e generoso.

Come posso proteggermi?

Quando avviate un'azienda, siete voi e il vostro co-fondatore contro il mondo, insieme per sempre.

Ma cosa succede se non è per sempre? Se le cose vanno male tra i co-fondatori, un po' di pianificazione preventiva può fare la differenza tra un esito doloroso e uno catastrofico.

Proteggetevi da un'enorme perdita di tempo, da un'ingente perdita di denaro in un momento sbagliato o anche da problemi con gli investitori esistenti.

Un buon accordo parasociale prevede sempre il peggiore dei casi.

proteggersi quando si divide il patrimonio netto
Fotografo: Alexander Sinn

Maturazione inversa

I fondatori sono diversi dai dipendenti perché ricevono tutte le azioni all'inizio. Per assicurarsi che i fondatori non se ne vadano, viene utilizzata una strategia di reverse vesting. Simile alla "maturazione delle stock option", premia la permanenza nell'azienda, con l'eccezione che in questo caso dà all'azienda la possibilità di riacquistare le azioni.

La quantità di azioni della startup che possono essere riacquistate è dettata dal periodo di maturazione. Più a lungo il fondatore rimane nell'azienda, meno azioni possono essere riacquistate.

Una struttura tipica è un periodo di 4 anni con un cliff di un anno. Fino al momento in cui si raggiunge lo scoglio di un anno, l'equity di tutti rimane disponibile per il riacquisto. Dopo un anno 25% non lo sarà più, e ogni mese successivo questo importo aumenta di 1/48.

Tuttavia, questo potrebbe essere leggermente superato, come afferma Andreessen Horowitz: "Con le aziende che rimangono private in modo dimostrabile più a lungo al giorno d'oggi (11 anni per la coorte di IPO tecnologiche del 2014), il lavoro necessario per costruire l'azienda in un'impresa di successo è appena iniziato dopo 4 anni".

La distribuzione di azioni tra i dipendenti in una startup consiste nel creare un incentivo a lungo termine, quindi pensate di estendere il periodo a un arco di tempo più lungo se ritenete che abbia senso per la vostra azienda.

Posti nel consiglio di amministrazione

Considerate le circostanze in cui un fondatore può essere rimosso. Nella maggior parte dei casi, i fondatori hanno posti comuni nel consiglio di amministrazione e controllano il consiglio con amministratori comuni. In questa situazione, un cofondatore può essere rimosso solo con il consenso dell'altro cofondatore.

Se volete mantenere un maggiore controllo, potete limitare l'influenza del vostro cofondatore limitando il suo accesso al consiglio di amministrazione. Un buon modo per farlo è consentire solo all'amministratore delegato (presumibilmente voi) di essere un dipendente del consiglio di amministrazione.

Considerate anche cosa succede alla partecipazione al consiglio di amministrazione se un cofondatore se ne va. Probabilmente non vorrete ritrovarvi in una situazione in cui un cofondatore che non è al servizio dell'azienda sia in grado di prendere o bloccare le decisioni dell'azienda.

Per ovviare a questa situazione, assicuratevi che i posti nel consiglio di amministrazione siano condizionati al mantenimento del servizio all'azienda. Non solo per essere un cofondatore.

Limitare le vendite

Immaginate una situazione in cui state raccogliendo capitali e il vostro precedente co-fondatore sta cercando di vendere le sue azioni sul mercato secondario. Come potete immaginare, non vi renderà la vita più facile se dovrete iniziare a lavorare insieme a qualcuno che non avete scelto. Per non parlare del rischio di dover spiegare agli investitori perché il vostro co-fondatore sta vendendo ora.

Pertanto, assicuratevi di porre una restrizione alla vendita. Ne esistono due tipi principali.

Diritto di prelazione (ROFR)

Con l'accordo di ROFR, l'azienda ha il diritto di accettare qualsiasi offerta.

Sebbene questo protegga l'azienda, è difficile da usare nella pratica. Nel nostro esempio, non è assolutamente il caso di utilizzare denaro privato o aziendale per rilevare un cofondatore quando si sta cercando di raccogliere capitali per la crescita futura.

Restrizione al trasferimento globale

In questo scenario, la società (probabilmente il consiglio di amministrazione) deve approvare qualsiasi trasferimento di azioni. Ciò consentirà una vendita ordinata e strutturata per tutte le parti coinvolte.

Ovviamente non è possibile installare queste restrizioni in un secondo momento e imporle a tutti gli azionisti. Gli azionisti saranno molto riluttanti a cedere il loro diritto di vendita. Assicuratevi quindi di installare queste restrizioni fin dall'inizio e assicuratevi che voi e i vostri VC siate tutti allineati per creare valore a lungo termine.

distribuzione del capitale tra i dipendenti
Fotografo: Austin Distel

I dipendenti

Una delle differenze fondamentali tra le startup e il mondo aziendale è la pratica quasi universale di far partecipare i dipendenti al capitale della startup.

Se attuata correttamente, la partecipazione azionaria dei dipendenti può:

  • Allineare il rischio e la ricompensa per i dipendenti che scommettono su un'azienda non ancora collaudata
  • Premiare la creazione di valore a lungo termine da parte dei dipendenti
  • Incoraggiare i dipendenti a pensare prima di tutto al successo dell'azienda.

È anche uno strumento molto importante per attrarre e trattenere i migliori talenti.

Tipi di incentivi azionari

Gli incentivi azionari possono essere suddivisi in quattro gruppi.

Primoc'è poi la startup equity che dovrebbe essere utilizzata per attrarre nuove assunzioni. È importante avere una buona visione di quello che è un pacchetto retributivo competitivo per la posizione e il profilo che si sta cercando di ricoprire. Assicuratevi inoltre che l'equity sia lo strumento di incentivazione corretto. Ad esempio, le funzioni di vendita potrebbero essere meglio incentivate con una commissione, mentre l'equity potrebbe essere più adatta agli ingegneri.

In secondo luogoIl personale che ottiene una promozione ha diritto a un'equità. Assicuratevi di portare il loro capitale allo standard di mercato per la loro posizione.

In terzo luogoIl premio per le prestazioni eccellenti è equo. Assicuratevi di premiare solo i primi 10 - 20% e di renderlo utile, senza turbare gli altri dipendenti. Un intervallo tipico è compreso tra 25% e 50% di quello che otterrebbero se fossero assunti oggi.

Infinec'è l'equità evergreen, spesso citata come il più importante strumento di equità per la retention.

Quando i dipendenti si avvicinano alla fine del periodo di maturazione (cliff), il costo opportunità di andarsene si riduce notevolmente. Un ottimo modo per evitare questa dinamica è distribuire azioni aggiuntive al momento giusto.

Per un tipico schema di maturazione di 4 anni, si inizierebbe a offrire piccoli importi annuali dopo i 2,5 anni con periodi di maturazione di 4 anni.

Sommate, queste offerte aggiuntive di azioni ridurranno il cliff e garantiranno un costo opportunità maggiore per l'uscita.

Quanto devo aspettarmi di regalare?

Per le prime assunzioni chiave, probabilmente non potrete utilizzare alcuna formula magica. Potete invece prendere in considerazione le tariffe di mercato nella vostra area geografica e negoziare caso per caso.

Per avere una strategia supportata dai dati, date un'occhiata al lavoro di Leo Polovets di Susa Ventures, che presenta i seguenti risultati:

  • Nelle aziende da 1 a 10 persone, 0,5% - 2,0% è un intervallo abbastanza comune, anche se alcune aziende non rientrano in questo intervallo.
  • Per le aziende da 11 a 50 persone, il valore tipico è di 0,1% - 1,0%.
  • Per le aziende di 51-200 persone, è tipico un valore di 0,01% - 0,2%.

Complessivamente, il pool di opzioni totali per i dipendenti accantonate durante la vita di una startup è in genere di circa 20%.

4 consigli su come distribuire il capitale della startup tra i dipendenti

Qualunque sia il metodo scelto per la ripartizione delle azioni dei dipendenti, tenete conto dei seguenti suggerimenti. Tenete conto dei seguenti suggerimenti.

Comprendere le esigenze dei dipendenti

L'equità non è un dolcificante per ogni dipendente come si potrebbe pensare.

Non solo dipende drasticamente dal trattamento fiscale. Ma dipende anche dalla cultura.

Assicuratevi di comprendere questo aspetto, in modo da evitare di regalare un capitale di avviamento poco apprezzato.

Inoltre, assicuratevi di capire la situazione di vita del vostro potenziale dipendente. Una persona con figli potrebbe essere più soddisfatta di un'ulteriore somma di denaro invece che di una partecipazione azionaria (chiedete, non date per scontato).

I dipendenti parlano

Ricordate sempre che i dipendenti parlano. Essi confronteranno le loro quote azionarie con quelle degli altri dipendenti.

Quindi, se utilizzate un approccio diverso dallo standard di mercato, assicuratevi di dotarli degli argomenti giusti per difendere le loro posizioni.

Essere trasparenti

La partecipazione azionaria dei dipendenti può spesso essere fuorviante. Il capitale azionario delle startup non riguarda solo il prezzo delle azioni più recente, ma anche le preferenze di liquidazione e altri aspetti spesso fraintesi.

Assicuratevi di comunicarlo correttamente ai dipendenti per eliminare qualsiasi malinteso. Se a un certo punto si scopre che non siete stati trasparenti, sarà una situazione incredibilmente difficile da gestire.

Limitare la trasferibilità

Analogamente a quanto avviene per i co-fondatori, limitate la possibilità di vendere le azioni della startup. Non è consigliabile che i dipendenti chiave vendano proprio prima di un grande round di investimenti, perché questo potrebbe instillare dubbi nei vostri investitori.

Tuttavia, cercate di consentire ai vostri dipendenti opportunità di vendita ordinate e strutturate. Potrebbero esserci molte buone ragioni per cui un dipendente vorrebbe togliere un po' di contanti dal tavolo. Inoltre, potete mitigare molti dei rischi associati alla vendita dei dipendenti fissando dei limiti di tempo o stabilendo dei periodi in cui possono vendere.

dare ai consulenti una parte della quota azionaria di una startup
Fotografo: Telaio Harirak

Consulenti

In qualità di fondatore di una startup siete spesso alla ricerca di una buona fonte di consigli ed esperienza.

Non è raro che questi consulenti vengano pagati con una piccola percentuale di capitale proprio. In questo modo la loro motivazione è più o meno allineata alla vostra. Inoltre, non diventano una sorta di "drenaggio di denaro" come possono essere i consulenti.

A seconda del livello dei consulenti, le sovvenzioni azionarie possono variare come segue:

  • Consulenti regolari: 0,1% - 0,25%
  • Gamma media: 0,25% - 0,50%
  • Livello esperto: 0,5% - 1,0%

Per intenderci, i consulenti esperti dovrebbero essere persone con una vasta esperienza nel settore, ottime conoscenze e la capacità di aprirvi le porte. Pensate a ex amministratori delegati di uno dei maggiori operatori del vostro settore o gruppo di clienti target. Persone che possono davvero far crescere la vostra azienda di 10 volte, aiutandovi con introduzioni, partnership e altro.

Se i consulenti che cercate sono destinati a essere solo membri del consiglio di amministrazione, potete anche optare per un compenso fisso per ogni riunione del consiglio di amministrazione, invece di dividere ulteriormente il vostro capitale.

Ponete prima queste domande

Prima di pensare di cedere un capitale proprio, consigliamo di porsi i seguenti tipi di domande:

  • Quanto tempo potete dedicare a questa azienda su base settimanale, mensile, trimestrale?
  • Quante aziende consiglia oggi e quali sono le sue altre attività professionali?
  • Lavorate con aziende che potrebbero creare un conflitto di interessi?
  • Cosa direbbero di lei le attuali aziende per cui lavora?
  • Posso parlare con qualche azienda attuale o precedente con cui avete lavorato?
  • Qual è il momento migliore per contattarvi se abbiamo bisogno di qualcosa?
  • Cosa spera di ottenere da questo impegno?

Come si può notare, la maggior parte di queste domande riguarda l'impegno di tempo. Tuttavia, all'inizio è molto difficile da valutare.

Per questo motivo, dovreste anche proteggervi dal calo dell'impegno stipulando un buon contratto.

impostare dei buoni contratti quando si dividono le quote di partecipazione in una startup
Fotografo: Mari Helin

Utilizzare un piano di maturazione

Come per le sovvenzioni azionarie ai dipendenti, non è raro lavorare con un programma di maturazione quando si lavora con i consulenti. Cercate di allineare il periodo di maturazione con il periodo di impatto previsto del vostro consulente. Se il consulente viene assunto per aprire porte a lungo termine, potrebbe essere opportuno un periodo di maturazione più lungo.

Anche in questo caso non è raro lavorare con un periodo di 4 anni e un cliff di 1 anno. Questo anno vi dà l'opportunità di testare la collaborazione prima di assegnare qualsiasi capitale. Assicuratevi che le prestazioni previste siano chiaramente indicate nel contratto, in modo da poterlo rescindere facilmente se necessario.

Impostare il prezzo di esercizio dell'opzione al di sopra del valore equo di mercato

Un'altra opzione per allineare gli interessi è quella di fissare il prezzo di esercizio delle opzioni a una valutazione futura. Se il vostro consulente è davvero in grado di "decuplicare" la vostra azienda, allora potreste coinvolgerlo con opzioni che maturano solo quando la valutazione dell'azienda cresce di 2-5 volte. Queste opzioni non avranno alcun valore se la valutazione non aumenta entro il periodo di validità dell'opzione, mentre saranno un ottimo compenso se la società raggiunge il suo obiettivo.

Prendete tempo per stabilire la fiducia

Come si può notare, questi metodi non sono certo perfetti. Entrambi lasciano molte opportunità di cedere il capitale a consulenti che non aggiungono molto valore. Pertanto, cercate di essere prudenti nelle vostre aspettative e di trascorrere abbastanza tempo con i consulenti prima di impegnarvi. La cosa più importante per avere successo è comunque avere un buon rapporto di fiducia reciproca.


Siete pronti a dividere la vostra torta azionaria? 🥧

Speriamo che questo post vi abbia dato le conoscenze e la sicurezza necessarie per farlo correttamente! 👊

Fateci sapere se avete ancora domande; saremo felici di approfondire! Inoltre, non dimenticate di sintonizzarvi la prossima settimana per la sesta parte della nostra Masterclass sul finanziamento delle startup: Come trovare investitori!

Oppure date un'occhiata a questo riassunto della Startup Funding Masterclass.


Siete pronti a parlare della vostra startup alle persone?

Se state dividendo il vostro capitale agli inizi, potreste pensare di non essere ancora pronti per un CRM.

Attenzione però: non iniziare a tenere traccia di tutti i contatti (nei colloqui con i clienti, ecc.) è un'enorme opportunità persa, di cui probabilmente vi pentirete. Perderete tempo prezioso tra qualche mese, quando comincerete a vendere e dovrete ritrovare tutte le persone con cui avete parlato del vostro prodotto o servizio... e di cosa avete discusso con loro.

Iniziate a costruire il vostro database di potenziali clienti fin dall'inizio, in modo da poter passare direttamente alla vendita quando sarete pronti.

Salesflare consente di:
1. Mantenere una chiara visione d'insieme di chi sono i vostri potenziali clienti
2. Concentrate il vostro tempo sulla costruzione di relazioni invece di inserire manualmente i dati.
3. Gestire diversi aspetti del business in diverse pipeline (ad esempio, potenziali clienti, partnership, investitori, acceleratori, ecc.)
4. Chiudere tempestivamente le transazioni grazie al promemoria automatico quando gli account sono inattivi ed è il momento di seguirli.

Per aiutarvi a iniziare con un costo minimo, vi offriamo la possibilità di aderire al nostro programma early stage e di ottenere un forte sconto. Basta contattarci in chat o email al nostro supporto.

ottenere un CRM vendite facile da usare

Speriamo che questo post vi sia piaciuto. Se vi è piaciuto, spargete la voce!

👉 Potete seguire @salesflare su Twitter, Facebook e LinkedIn.

Frederik Hermans