Adam Hempy di Better Proposals

Caffè del Fondatore episodio 001

Sono Jeroen di Salesflare e questo è Founder Coffee.

Ogni due settimane prendo un caffè con un fondatore diverso. Discutiamo della vita, delle passioni, degli apprendimenti, ... in una chiacchierata intima, per conoscere la persona che sta dietro all'azienda.

Per questo primo episodio pilota, ho avuto la fortuna di parlare con Adam Hempy di Better Proposals. Dall'anno scorso, quando Salesflare e Better Proposals erano contemporaneamente su AppSumo, ci parliamo regolarmente e si può dire che siamo diventati amici fondatori.

Adam è uno dei fondatori di startup più onesti, autentici e motivati che conosca. Non si sottrae mai dal dire ciò che gli passa per la testa, il che lo rende il primo ospite perfetto per questa serie di colloqui personali con i fondatori.


Preferite ascoltare? Potete trovare questo episodio su:


Jeroen: Ciao Adam! È un piacere averti con noi al Founder Coffee.

Adam: Felice di essere qui!

Jeroen: Per cominciare, per coloro che non conoscono Better Proposals: di cosa vi occupate esattamente?

Adam: Better Proposals aiuta i freelance, le aziende di servizi, ... chiunque scriva spesso proposte o preventivi e li invii con l'obiettivo di aggiudicarsi un affare.

Risparmia la fatica e il fastidio di progettare il tutto in Microsoft Word o Adobe InDesign, o di utilizzare la funzionalità di preventivo integrata nel vostro software di fatturazione. Risparmia l'uso di tutto questo e invia proposte che: A, sembrano davvero intelligenti; B, fanno risparmiare un sacco di tempo. Infine, ha molte best practice per le vendite già integrate nei modelli, nelle funzionalità e in tutto il resto.

In pratica, significa che potete vincere il lavoro molto più velocemente.

Jeroen: Sì.

Adam: E anche di più.

Jeroen: Quindi, in breve, è il miglior strumento per le proposte in circolazione?

Adam: Sì, direi di sì. Sarebbe stupido se dicessi di no, no?

Jeroen: Cosa ti ha spinto a fondare Better Proposals? Quando è successo esattamente? Su cosa stavate lavorando?

Adam: All'epoca gestivamo una società di software. Andavamo nelle aziende e uscivamo con queste proposte e dovevamo passare diversi giorni a scrivere queste cose.

Erano assolutamente enormi. Progetti software da 30, 40, 50 mila sterline. Ed era un affare enorme se si vinceva o meno uno di questi progetti. Perché in realtà si realizzano solo tre o quattro progetti all'anno. Se lo vincevi, faceva un'enorme differenza nella tua vita.

Capito.

Adam: All'epoca facevo queste cose in InDesign, credo, e ci passavo giorni interi. Mi assicuravo che fossero giusti. Mi assicuravo che avessero un bell'aspetto. E mi assicuravo che il testo fosse buono.

Poi lo inviavo e non sentivo nulla. Pensavo: "Oh, ok. L'hanno ricevuto?". Voglio dire, era un PDF di 20 megabyte. Voglio dire, cos'è successo? È arrivato a destinazione? Non lo sto seguendo perché penso che sia troppo presto? Non avevo visibilità, non ne avevo idea.

C'era un po' di tempo di inattività nell'azienda. Ho detto al nostro team tecnico: "Sentite, potete creare qualcosa di basato sul web? Qualcosa che ci mostri chi l'ha aperto e cosa ha guardato. In questo modo saprò quando l'hanno ricevuta e potrò seguirla di conseguenza".

L'abbiamo fatto. Ovviamente le prime versioni erano molto scarse, pessime. Ma il concetto era davvero buono.

È successo circa cinque anni fa. È rimasto lì come un piccolo strumento interno che abbiamo usato per anni. Circa quattro anni fa, lo abbiamo avviato come prodotto vero e proprio, come progetto secondario. Poi, due anni fa, abbiamo eliminato tutto il resto e ci siamo concentrati su di esso a tempo pieno.

Jeroen: È una storia interessante. Di cosa si occupava esattamente la vostra azienda originaria?

Adam: Beh, come sapete, sono completamente autistico, giusto? Amo la logica, amo trovare i punti deboli nelle cose e cercare di capire come risolverli. Mi piace molto entrare in aziende diverse, scoprire i punti deboli dell'amministrazione e capire i loro processi. La nostra società di software avrebbe poi costruito qualcosa che automatizzasse tutti quei processi.

Nel farlo, ho scritto un libro intitolato "Automatizza la tua attività". È andato abbastanza bene. Lo usavamo come "calamita per i contatti". All'epoca lo stampavamo fisicamente e lo spedivamo alle persone. Ora sono PDF. Ma sì, lo inviavamo fisicamente alle persone. Per noi ha funzionato molto, molto bene.

È quello che abbiamo fatto per diversi anni. Andare nelle aziende, porre loro tonnellate di domande diverse. Capire cosa funzionava e cosa non funzionava, e poi aggiustare tutte le parti rotte.

Jeroen: Si trattava di un prodotto SaaS o di un software on-premise?

Adam: No, era un software personalizzato. Personalizzato per ogni cliente.

Jeroen: Capisco. Hai iniziato con questo.

Adam: Sì. Per un po' è andata bene, ma siamo arrivati a un punto in cui abbiamo pensato: "Ok, dobbiamo far crescere questa attività in modo massiccio, oppure dobbiamo ridimensionarla o fare qualcosa per cambiarla. Perché sta raggiungendo i limiti dappertutto". E stiamo lavorando troppo duramente seduti sui nostri soldi.

Jeroen: Better Proposals è la vostra prima vera azienda SaaS?

Adam: Ehm, sì. Il primo che sia andato bene. Ma non direi che è la prima volta che cerchiamo di costruire un prodotto software. In realtà ne abbiamo costruiti parecchi. Non ci avevo mai pensato, a dire il vero, finché non l'hai detto tu.

Abbiamo costruito un prodotto chiamato AddBook, che era un CRM davvero, davvero, davvero - tutti questi prodotti erano pessimi, non ce n'è uno buono - davvero, davvero, davvero semplice. Si trattava fondamentalmente di una rubrica con un campo note collegato.

Suppongo che la prima versione di Better Proposals fosse un prodotto chiamato SignTick. Si trattava letteralmente di quello che oggi si chiama EchoSign, DocuSign o HelloSign. Si trattava solo di firmare documenti. Poi abbiamo iniziato a usarlo per i preventivi e la cosa è finita lì.

Ora che ci penso, prima avevamo EasySite. Probabilmente è stato circa 12 anni fa. Era una specie di pre-WordPress, in un certo senso. Avevi solo questi piccoli oggetti, li trascinavi e creavi un sito web.

Jeroen: Forte.

Adam: Ricordare...

Jeroen: Come sei entrato in questi progetti di startup? È stato prima attraverso il web design?

Adam: Sì, sì, è stato così. Ho iniziato a fare siti web quando ero super, super, super giovane. E poi c'erano solo i padri degli amici che avevano bisogno di siti web.

Jeroen: A che età avevi?

Adam: Avrei 14 anni.

Jeroen: È divertente. Anch'io, in effetti. Ho iniziato nello stesso modo alla stessa età.

Adam: Davvero?

Jeroen: Sì.

Adam: Ah, è divertente. Ricordo di aver giocato con, come si chiamava? FrontPage? Microsoft FrontPage, vero?

Jeroen: Microsoft FrontPage, sì.

Adam: È quello?

Jeroen: Sì. Personalmente, all'epoca realizzavo la maggior parte dei miei siti web in Flash, ma usavo anche FrontPage.

Adam: Sì, ricordo di averci giocato. Credo che uno dei miei punti di forza sia stato capire come fare DHTML. HTML dinamico. Potevi far volare la roba sulla pagina e fare ogni sorta di cose ridicole. Era divertente.

Jeroen: Fare questo tipo di progetti ti ha fatto crescere, vero?

Adam: Credo che in tutti questi casi si facciano queste cose con le migliori intenzioni, sai? Se non si affronta una cosa del genere con l'intenzione che sia anche solo lontanamente di successo, allora non si faranno le cose necessarie perché abbia successo e funzioni davvero.

Allo stesso tempo, in un modo strano, sono quasi contento che alcune cose non abbiano funzionato. Perché in tutti i sensi, cioè se si prendono solo SignTick, AddBook e EasySite, queste tre cose, senza fare queste tre cose, Better Proposals o A, non esisterebbe; o B, se esistesse, sarebbe assolutamente terribile.

Le firme digitali erano un componente chiave in SignTick e ora sono molto importanti in Better Proposals. È quasi esattamente la stessa tecnologia.

AddBook ci ha insegnato molto sull'organizzazione e sulla struttura. E sulla stratificazione delle informazioni e cose del genere. Ovviamente anche voi dell'Salesflare avete affrontato molto questo argomento.

EasySite ci ha insegnato - sto cercando di dirlo senza che sembri terribile e cattivo - ma abbiamo avuto a che fare con clienti che non sapevano davvero cosa fosse. Eravamo le persone più tecniche che conoscevano. Erano il tipo di persone che mettevano un bicchiere nel porta CD, nel lettore CD. Dicevano: "Ho trovato il CD, il portabicchieri, ma non ho trovato il lettore CD". Questa era letteralmente la nostra base di clienti all'epoca. Progettavamo EasySite per persone di questo tipo.

Ciò ci ha insegnato a mettere in discussione il copy. Non si possono inserire troppe informazioni, bisogna mantenerle brevi, ... tutto questo genere di cose. Si impara molto da queste cose, e non ne cambierei nessuna. Anche se nessuno di questi tre progetti ha avuto successo, non ne cambierei nessuno per nulla al mondo.

Jeroen: Capisco. Con tutti questi progetti di startup, è stato influenzato in qualche modo dalla sua famiglia? In che tipo di famiglia è cresciuto?

Adam: Mia madre è un'insegnante. E mio padre è un ingegnere. Non un ingegnere programmatore. Aggiusta cose per - mi piace dire - uno "spacciatore", perché lavora per un'azienda di farmaci. Una legale. E sì, ripara e manutiene le bilance e tutto il resto dell'azienda.

Quando a 15-16 anni dissi: "Voglio avviare un'attività in proprio", nessuno dei due aveva la minima idea di cosa fosse qualcosa di diverso dal lavoro da nove a cinque. È stata un po' una sfida. Ma credo che oggi siano piuttosto convinti che avessi ragione.

Non c'era molto - c'era molto amore - ma non c'era molta buona educazione dal punto di vista commerciale. Una volta ho chiesto a qualcuno 600 sterline per un sito web, da 300, che è la mia tariffa. La reazione di mia madre è stata: "Come puoi far pagare così tanto a qualcuno? Sei un tale imbroglione. Sei in punizione".

Non era esattamente un incoraggiamento positivo ad aumentare i prezzi. Sono stato messo in punizione per aver aumentato i prezzi, il che significa che non ho potuto partecipare ad altre riunioni quella settimana.

Jeroen: Haha.

Adam: Enigma.

Jeroen: Cosa hai studiato alle superiori? Qualcosa di attinente?

Adam: Quando andavo a scuola, eravamo l'ultimo gruppo dell'anno a non avere alcun computer nella nostra istruzione. Eravamo l'ultimo gruppo a non averlo mai avuto. Non avevano nemmeno una qualifica per farlo.

A scuola andavo davvero male. Avevo solo C e D in tutte le materie. Mia madre è un'insegnante e io tornavo a casa con C e D. Non avrebbe potuto essere più delusa da me. È piuttosto buffo ripensarci.

Jeroen: Ha mai avuto un "vero lavoro"?

Adam: Sì, ne ho avuti un paio.

Il mio primo vero lavoro in assoluto è stato lavorare da Tesco. Per chi non lo sapesse, si tratta di un supermercato. Come Walmart, credo. In pratica è il più grande supermercato del Regno Unito. Accatastavo tutte le notizie, le riviste, i giornali e cose del genere. Li smistavo tutti. È stato il mio primo lavoro.

Sono stato licenziato da Tesco's perché ero troppo efficiente. E poi sono andato da McDonald's per un'ora e mezza. Pensavo: "Fanculo, non se ne parla". Sono andato lì perché non potevo sopportare di tornare a casa senza un altro lavoro per paura di essere sgridato. Ho resistito solo qualche ora. A sinistra. E poi ho passato qualche mese a cercare di ottenere dei clienti per il web design.

Poi ho avuto altri due lavori. Uno era quello di venditore per un'azienda di insegne luminose. Insegne per negozi. Cose del genere.

È stato piuttosto interessante. Mi ha insegnato qualcosa sulle aziende. L'azienda contava circa 12-15 persone. Era un'azienda di dimensioni interessanti. Perché c'era chiaramente il reparto vendite, composto da me e da un altro ragazzo. Poi c'era il team di produzione, diviso in due parti. È stato molto bello vedere un processo. Era abbastanza piccolo da permettere a tutti di conoscersi. C'erano molte sovrapposizioni di competenze. Ma è stato molto interessante vedere come un'azienda cresceva e si divideva i reparti.

E poi l'unico altro lavoro che ho avuto è stato circa dieci anni fa. Ho lavorato per un anno con un'azienda chiamata Pure. È un'azienda di email marketing. Vendeva email marketing alle aziende in un mondo in cui MailChimp non era MailChimp.

È stato divertente. Ho imparato molto sulla vendita e sull'aumento dei ricavi ricorrenti. Su cosa spinge le persone a prendere decisioni. E sui modi migliori per vendere software come servizio. È stato molto interessante.

Jeroen: Ci scommetto. Parlando di successo di una startup, quale altra startup o fondatore ammira e perché?

Adam: Bella domanda. Penso che vari molto. Trovo che le cose che sono importanti per me questa settimana siano diverse da quelle che erano importanti per me la settimana scorsa. Direi i ragazzi di Basecamp. Probabilmente hanno il messaggio più coerente, che ha risuonato costantemente con il modo in cui voglio gestire la mia attività.

Non credo molto in tutta questa storia del VC. Penso che ci siano milioni di modi diversi per farlo e che non sia necessario farlo. Ovviamente ci sono delle eccezioni, ma nella maggior parte dei casi il bootstrapping è assolutamente possibile. L'idea di non dover lavorare 160 ore a settimana. Avere una lista di no, invece di una lista di sì. Cose del genere sono sempre state vere e credo che se dovessi ispirarmi a qualcuno sarebbero Jason Fried e David Heinemeier Hansson di Basecamp.

Ma suppongo che, a un livello un po' più macro, i cambiamenti siano molto frequenti, perché l'aspetto fondamentale del lavoro in un'azienda SaaS è che cambia molto, molto, molto. Le assunzioni e l'outsourcing non erano nemmeno una preoccupazione remota per me sei o otto settimane fa. Mentre ora è letteralmente l'unica cosa che faccio.

Jeroen: Capisco perfettamente.

Adam: È incredibile la rapidità con cui cambia. Se ci si fossilizza su ciò che una persona o un'azienda insegna, si rischia di non ottenere le cose necessarie per comprenderle. È bene avere una mentalità aperta e acquisire informazioni quando se ne ha bisogno.

Jeroen: Hai ragione. Per come la vedo io, lei sta cercando di avere una startup con un'attività di bootstrap piuttosto che una finanziata da VC. È corretto?

Adam: Sì, sì, lo è. Mi piace l'idea del controllo. Se decidiamo di portare il nostro prodotto in una direzione leggermente diversa, non voglio doverlo chiarire con 16 livelli di gestione di Venture Capital.

Inoltre, non mi piace la strada che il mondo dei VC ti porta a percorrere. Se si accetta un finanziamento, in genere ci si impegna in una certa serie di cose. Devi lavorare per ottenere una grande uscita. Questo significa vendere l'azienda, o quotarla in borsa, o fallire. E questo è praticamente tutto.

Non c'è una via di mezzo in cui tutti siano felici di avere una crescita sana e costante. Di far crescere il proprio team come e quando serve. Uno scenario in cui tutti hanno una bella vita. Uno scenario in cui nessuno lavora troppo, ma tutti si mettono alla prova.

A quanto pare, nel mondo dei CR non esiste questo concetto. È tutto un "o la va o la spacca", con ogni mezzo necessario, e questo è quanto. Questo non mi convince molto, forse solo perché ormai sono un uomo anziano... Forse per me andrebbe bene a 24 anni, ma a 33 anni non voglio più un capo.

Jeroen: Hai scelto più per lo stile di vita che per la costruzione di qualcosa di grande?

Adam: Penso che si possano fare entrambe le cose. Non credo che sia l'uno o l'altro. Penso che si possa avere una vita fantastica, fare le cose che si vogliono fare e fare anche grandi affari.

Voglio dire, sì, certo, potrebbe non essere così veloce. Bisogna accettarlo, se si vuole intraprendere la strada del bootstrapped. Sarà più lento che se aveste 10 milioni di sterline da spendere. Se si dispone di un'enorme quantità di denaro in banca, ovviamente si riesce a fare le cose più velocemente.

Ma non vedo perché debba essere una scelta. Voglio dire, una cosa incredibilmente importante per me è assicurarmi di passare un'estate piacevole e tranquilla. Mi piacciono i festival. Mi piace andare e passare del tempo con i miei amici in diverse parti del mondo. È una cosa molto importante per me.

Se avessi un'azienda sostenuta da un venture, questo sarebbe praticamente inesistente. Non c'è modo di girare intorno a un VC e dire: "Sì, va bene. Me ne vado a spasso in Italia o in Croazia per l'estate. Ci vediamo alla fine di agosto". Non succederà. Non funzionerà e non c'è modo di convincere nessuno che sia un buon modo di gestire un'azienda. Anche se non c'è nulla di sbagliato.

Non lo so. Sono solo io. Penso che si possano fare entrambe le cose.

Jeroen: Quindi state cercando di far crescere Better Proposals fino a farla diventare una grande azienda?

Adam: Sì, credo di sì. Voglio dire, non è che voglia mantenere la cosa il più piccola possibile, ma non voglio crescere inutilmente.

Credo che molte persone pensino alle imprese che si sono avviate, e pensino a "piccole imprese". Non credo che sia necessariamente così. Ci sono tonnellate e tonnellate e tonnellate di aziende avviate che sono enormi.

Forse due dei maggiori esempi sono MailChimp e Basecamp. Se pensate alla "gestione dei progetti", pensate a Basecamp. Se si pensa a "email marketing", si pensa a MailChimp. Nessuno dei due ha accettato finanziamenti.

Che cosa hanno in comune? Entrambi non hanno cambiato la loro attività. Hanno cambiato il modo di fare le cose. Si sono adattate. Ma non hanno cambiato i fondamenti, ovvero "Siamo un'azienda di email marketing. Siamo qui per semplificare l'email". Le e-mail non andranno da nessuna parte. La gestione dei progetti non va da nessuna parte.

Queste due aziende, a mio avviso, possono essere di ispirazione per i fondatori più di quanto pensiamo, perché stanno facendo le cose nel modo giusto. Non crescono inutilmente in fretta.

Sì, sono cresciute rapidamente. Sì, sono grandi aziende, ma non sono cresciute inutilmente.

Jeroen: Capito. È interessante.

Ora, se domani vincesse alla lotteria, lavorerebbe ancora su Better Proposals?

Adam: 100%. Non riesco a pensare a nient'altro che preferirei fare.

Sembra assurdo, ma non cambierei nulla. Probabilmente mi trasferirei in un posto diverso, vivrei in un posto leggermente diverso. Magari costruirei la casa dei miei sogni e avrei la mia sistemazione lavorativa perfetta, ma non cambierei la mia giornata.

Non metto la sveglia da secoli. Ogni volta che metto la sveglia è quando mi alzo per andare in vacanza da qualche parte. Amo questa libertà. Mi piace l'idea che, se arrivo alle dieci e mezza di sera, penso: "Oh, sai cosa? Sento che stanno per arrivare quattro ore buone. Andiamo". Voglio che sia tutto a posto e che non debba pensare: "Oh, merda. Devo alzarmi e andare in ufficio prima delle otto di domani".

Stabilendo piccole regole, come quella di non rispondere mai a una telefonata prima delle 11 del mattino. Questo perché so che non dormirei mai così a lungo. E se decido di lavorare fino a tardi o altro, non voglio che gli altri spostino i loro orari.

Mi permette anche di fare qualcosa al mattino. Quindi, sì, non lo so. Si tratta solo di creare delle piccole regole per se stessi. Non è necessario che siate completamente impegnati, ma trovo che sia positivo rendersi conto di avere il controllo della propria giornata.

Jeroen: A cosa dedica la maggior parte del suo tempo di lavoro in questo momento? Come si svolge la sua giornata?

Adam: Nelle ultime due settimane si è trattato più che altro di scrivere istruzioni per altre persone, di svolgere altri compiti.

Di mestiere faccio il designer, quindi mi occupo di tutto ciò che riguarda il design. Tutto ciò che riguarda il marketing o la scrittura è generalmente di mia competenza. La mia cofondatrice Sabrina si occupa di tutto ciò che riguarda lo sviluppo e i prodotti. Anche lei fa le sue cose.

Per me è soprattutto scrittura. È progettazione. Miglioro le cose, guardo alle decisioni che abbiamo preso sei mesi fa e le sottopongo al filtro. Ha ancora senso? È ancora il modo migliore per spiegarlo con la mia nuova comprensione di ciò che vogliono i clienti e con le domande che riceviamo ogni giorno? È ancora pertinente?

Per esempio, abbiamo appena rifatto tutti i nostri modelli. Ognuno di essi. È costato una fortuna, ma ne è valsa la pena. È stato sufficiente aprire i modelli, guardarli e chiedersi: "È la migliore pubblicità possibile per la nostra azienda? Se dovessi cercare di venderla a qualcuno e potessi mostrargli solo una cosa, sarebbe questa?". E la risposta è stata "no". Questo mi ha spinto a guardare indietro e a mettermi in contatto con alcuni designer che conoscevo e a dire: "La parola spetta a voi. Datevi da fare e fate in modo che queste cose abbiano il miglior aspetto possibile".

Jeroen: Siete in una fase in cui state lavorando sull'ottimizzazione piuttosto che sulla crescita?

Adam: Credo che in gran parte sia lo stesso. Ho rielaborato la homepage un paio di fine settimana fa e sembra che la conversione dei visitatori sia aumentata di circa un punto percentuale, il che è piuttosto positivo.

È necessario esaminare costantemente questi aspetti. L'ottimizzazione e la crescita sono più o meno la stessa cosa. Si prende qualcosa che già c'è e lo si migliora, oppure si guarda a ciò che non si sta facendo e si migliora in quel senso.

L'unica cosa che a volte trovo un po' difficile è questa "lista dei no". C'è sempre una lista di cose da fare. Sempre. Si può essere sottoposti a una pressione inutile pensando: "Oh, dobbiamo fare questo. Dobbiamo fare quello". Non è necessario. Raramente tutto questo fa sì che vi muoviate verso i vostri obiettivi. Molto raramente sposta l'ago della bilancia. Questo è ciò che sto scoprendo.

Jeroen: Tra te e il tuo cofondatore, sei tu quello che di solito mette il piede sul freno o sei tu quello che spinge l'acceleratore? Quello che dice no alle cose o quello che dice "dobbiamo assolutamente farlo"?

Adam: Credo che sia un po' entrambe le cose. Io leggo molto. Mi vengono più idee nella testa che in quella di Sabrina. Non lo dico in senso negativo. È solo che mi espongo a cose che possono influenzare la direzione dell'azienda. Leggo molti blog. Leggo un paio di comunità. Lei non lo fa molto. Riceve la mia versione filtrata.

Di solito sono io a dire: "Facciamo questo. Facciamolo. Facciamolo". Molto spesso, se sembro abbastanza eccitato, riesco a convincerla che è una buona idea.

Ma è davvero bello e importante che qualcuno si opponga ad alcune delle tue idee. Le cose devono guadagnarsi il loro posto. Può essere una nuova funzione, una nuova persona nella vostra azienda, una nuova via di marketing... Può essere qualsiasi cosa. Ma se si tratta di qualcosa che non avete mai fatto prima, deve lottare per il suo posto. Deve essere qualcosa che farà la differenza.

Credo che sia molto importante avere qualcuno nella propria azienda, o vicino ad essa, che possa fare pressione. Qualcuno che non abbia paura di respingere anche le idee migliori.

Jeroen: A proposito di equilibrio, come gestisce l'equilibrio tra lavoro e vita privata? Lavora fino a tardi? O si pone un limite? E dove lo mettete il limite?

Adam: Non ho limiti. Non sono mai completamente al lavoro o completamente spento. Vado a fare snowboard e controllo Intercom sulla seggiovia. Oppure lavoro e gioco a FIFA allo stesso tempo. Sono cose stupide come queste.

Credo che sia dovuto al fatto che lavoro da casa. Lavoro nel mio salotto. Ma è una scelta. Potrei andare a prendere un ufficio. L'ultima volta che l'abbiamo fatto, non ci siamo accorti che era più produttivo di qualsiasi altra cosa. Non ci siamo più preoccupati.

Siamo un'azienda remota. Abbiamo persone in Brasile, in America, in tutta Europa e ovunque, quindi non esiste un luogo centralizzato che possa esistere.

Credo che la mia capacità personale di separare il lavoro dal tempo libero sia piuttosto scarsa. Probabilmente è una delle cose che mi riesce peggio.

L'unico momento della settimana in cui separo completamente il lavoro dal tempo libero è quando gioco a calcio. Tutto qui. È l'unico momento. Ho un'ora alla settimana in cui sono completamente e totalmente scollegato. Niente telefono. Niente di niente.

Jeroen: Questo è il calcio per gli americani?

Adam: Sì, esattamente. Calcio agli americani. Io sto in porta per la maggior parte del tempo a prendere freddo.

Jeroen: Sei un portiere?

Adam: Sono un portiere, sì.

Jeroen: Forte.

Adam: Sì, non sono abbastanza in forma per fare l'esterno.

Jeroen: È così che si mantiene in forma mentalmente e fisicamente? È il calcio? O ci sono altri modi per gestire i livelli di stress?

Adam: Credo che la maggior parte delle cause di stress per la maggior parte delle persone sia dovuta al denaro. È la prima, grande causa di stress. Ma oltre a questo, non lo so. Penso che si gestisca da solo quando si ha un'attività redditizia e quando si hanno entrate ricorrenti.

Devono andare così tante cose storte per metterci in difficoltà. È irreale. Non voglio dire che non succederà mai, perché probabilmente prima o poi succederà. È questo che mi tiene con i piedi per terra.

Per quanto riguarda la gestione dei livelli di stress, non mi sembra di essere stressato. Mi piace tutto ciò che facciamo. Forse un po' di stress sarebbe una buona cosa per me, perché probabilmente mi spingerei un po' di più.

Jeroen: Sembra che abbiate impostato la vostra azienda in modo tale da ridurre al minimo i livelli di stress, perché non appena si ottengono i venture capitalist o si iniziano ad assumere altre persone, è proprio allora che inizia lo stress.

Adam: Sono completamente d'accordo. È divertente. Da un paio di settimane a questa parte, mentre sto lavorando a qualcosa, mi chiedo: "Oh, mi chiedo cosa stia facendo lui o lei". Ci sono tutti questi compiti che ho iniziato ad assegnare alle persone. Solo tre mesi fa non avevo questi problemi. Facevo solo le mie cose e basta. Ora, invece, ho iniziato a esternalizzare molte cose e sto cercando di liberare il mio tempo in modo da poter essere un po' più efficace nelle aree necessarie.

Anche questo non lo definirei stress, ma è un'altra preoccupazione. È un altro pensiero che non avevo e che ogni tanto si affaccia. Non lo chiamerei stress, ma è sicuramente un'altra cosa a cui pensare, e credo che stia crescendo. Non è vero?

Se ci penso, hai fatto un'ottima osservazione. Abbiamo impostato le cose in modo tale da non dare fastidio. È una sorta di ambiente privo di stress.

La cosa più stressante accaduta di recente è stata l'esaurimento dello spazio su disco del nostro server nel cuore della notte. È andato in crash. Stranamente mi sono svegliato e ho guardato il mio telefono. Potete anche escludermi che sia una cosa negativa, ma questa volta è stato un bene. L'ho preso in mano. Ho ricevuto un'e-mail dalla società di hosting che diceva: "Il tuo spazio su disco è a 95%". Poi ha superato il limite. Questo è probabilmente il più grande stress che mi sia capitato negli ultimi due anni, forse, in modo strano.

Jeroen: Oltre al calcio e al lavoro, cosa le piace fare?

Adam: Non lo so perché non guardo film. Guardo il calcio. Sono un grande tifoso del Barcellona.

Che ne dite di questo per l'equilibrio tra lavoro e vita privata: Non faccio nulla se coincide con una partita del Barça. Nel mio calendario ci sono tutte le partite del Barcellona. Se qualcuno vuole telefonare, non sono disponibile perché c'è una partita. Non posso farlo. Non è possibile che mi perda una partita del Barcellona.

In realtà non mi dispiacerebbe perdere qualche partita. Si tratta di qualcosa che io ritengo importante e che dovrebbe essere il punto di arrivo. Il fatto che mi interessi o meno quella particolare partita è irrilevante. È più che altro il fatto che ci sia quel momento in cui nessuno può prendermi.

A parte questo, faccio molti viaggi e vacanze. È una cosa che non vedo l'ora di fare. C'è sempre qualcosa in agenda.

Preferisco i viaggi lunghi e belli. Lo faccio invece di andare per tre giorni e poi fare un giro in città o qualcosa del genere, come quando sono venuto a trovare te e il team Salesflare l'altro giorno. È stato il viaggio più breve che ho fatto da anni. È stato un viaggio di soli cinque giorni. È piuttosto raro per me. Di solito è molto, molto, molto più lungo e mi assicuro di poter lavorare e fare le mie cose mentre sono via. Cerco di combinare le due cose.

Jeroen: Se vendesse la Better Proposals per un sacco di soldi e potesse trascorrere la sua vita come vuole, si metterebbe a viaggiare? O cosa faresti?

Adam: Sì, vedi, non lo so. Non lo so davvero. Penso che dovrei fare qualcosa di simile a quello che sto facendo ora perché... non lo so.

Il giorno perfetto per me prevede che io esca di casa. Devo fare un lavoro significativo e devo portare avanti qualcosa.

Devo anche fare qualcosa che sia completamente scollegato dal lavoro. Potrebbe trattarsi di 20 minuti di visione di un programma televisivo veloce, oppure di giocare o guardare una partita di calcio. Vedere la mia famiglia, uscire a prendere un caffè da qualche parte, qualcosa di fisico, qualcosa all'aria aperta, far progredire il lavoro in un modo o nell'altro, e poi avere una comunicazione sociale con qualcuno, una chiacchierata veloce con un amico o mandare un messaggio a una ragazza. Qualcosa che non sia assolutamente legato al lavoro e che sia completamente sociale.

Sto cercando di fare il maggior numero possibile di queste piccole cose al giorno. Se si trascorrono troppi giorni di fila senza una di queste cose, la vita inizia a diventare un po' strana.

Jeroen: Dove risiede?

Sono a Brighton.

Jeroen: Per cosa è conosciuta Brighton?

Adam: Brighton è nota per i gay. È nota per essere un posto un po' strano, un po' eccentrico. Non è del tutto strano camminare per il centro di Brighton e trovare qualcuno con i capelli verdi a spillo, la calzamaglia rosa e la barba. Non è così strano a Brighton.

Jeroen: È sul mare, giusto?

Adam: Sì. Per chi non lo sapesse, se sapete dove si trova Londra, tracciate una linea che parte da Londra e scende direttamente fino al mare. Quella è Brighton.

Jeroen: È un buon posto per avere una startup?

Adam: Sì. Noi non ne approfittiamo più di tanto, ma la SEO di Brighton è una delle più grandi conferenze SEO del mondo. Si svolge a circa otto minuti da casa mia.

Sono sicuro che a Brighton ci sono tonnellate di piccole comunità di startup e cose del genere a cui potremmo contribuire e in cui potremmo essere coinvolti, ma in qualche modo non ne sto approfittando.

Jeroen: Ci sono altre startup interessanti che dovremmo conoscere e che hanno sede a Brighton?

Adam: C'è una pubblicazione mediatica chiamata Happy Startup School. Questi ragazzi gestiscono uno spazio di co-working, ma fanno anche conferenze e cose del genere. Piccoli ritiri e cose del genere. È piuttosto interessante.

Ci sono alcune grandi agenzie. Fresh Egg è una grande agenzia. Ha sede a Worthing, che si trova a circa cinque miglia dalla parte opposta di Brighton.

E poi c'è il software di contabilità, Kashflow. Ora sono stati praticamente superati da Xero. Hanno un logo rosa. Qualche anno fa erano molto, molto, molto grandi. Il fondatore di Kashflow vive a Brighton.

Jeroen: Concludiamo con alcuni insegnamenti.

Qual è l'ultimo bel libro che avete letto? Perché avete scelto di leggerlo?

Adam: Sono anni che non leggo un libro. Ma il mio libro di business preferito è Rework. Il libro dei ragazzi di Basecamp. È di gran lunga il mio libro preferito.

Jeroen: Perché?

Adam: Perché è tutto fattibile. Non c'è assolutamente nulla di scialbo. Sono tutti saggi brevi. È come leggere 25 post di un blog. Ognuno di essi è un pensiero completamente indipendente. Si può essere d'accordo o meno.

Rework è un buon libro. È incentrato su un tema semplice: ripensare il modo in cui si lavora. Tutto qui. Il titolo è così diretto. È facilissimo da leggere. Veloce da leggere. Ben presentato.

Jeroen: È davvero divertente. In realtà, quando abbiamo iniziato con Salesflare, il primo libro che io e il mio co-fondatore, Lieven, abbiamo letto è stato Getting Real, sempre dei ragazzi di Basecamp. È stato il nostro manuale all'inizio e ci ha mostrato il modo in cui avremmo avviato l'attività.

Adam: Sì, facciamo esattamente la stessa cosa. Getting Real è geniale. E Rework è ottimo. A proposito, hanno un nuovo libro in uscita a breve.

Jeroen: Forte, non ho mai letto Rework. Gli darò un'occhiata.

Fallo, amico. È un libro davvero fantastico. Molti di questi argomenti, se li hai seguiti, sono standard.

Non fate riunioni. Si lavora al meglio dove si lavora al meglio. Questo tipo di intuizioni.

Probabilmente riecheggia molto di ciò di cui abbiamo parlato oggi.

Jeroen: C'è qualcosa che avresti voluto sapere quando hai iniziato?

Adam: È piuttosto difficile perché si sa solo quello che si sa in quel momento. Sono un convinto sostenitore del fatto che le cose si debbano sapere quando è giusto saperle. Dirti queste cose prima è un po' inutile.

Voglio dire, sì, non lo so. Ci sono molte cose che, ripensandoci, mi fanno dire: "Oh, se l'avessi fatto prima, sarebbe stato meglio".

Di recente abbiamo iniziato a prestare attenzione alle pagine di confronto dei concorrenti. Sarebbe stato fantastico se l'avessimo fatto un anno fa. Ma, in realtà, solo ora siamo a un punto in cui il nostro marchio è abbastanza forte da poter entrare nelle stesse conversazioni di alcuni di loro, quindi è un po' inutile farlo prima.

Sembra davvero strano e stravagante, ma in questo senso tutto accade per una ragione e si imparano le cose quando è giusto impararle. Si va sempre avanti.

Ci sono sicuramente cose che si possono fare prima. Sono cose stupide, amico, come..: Vorrei aver etichettato prima certe cose in Intercom. Non ho idea di chi abbia quale template. Non mi aiuta a fare il mio lavoro. Piccole cose del genere. Ma non ci sono cose davvero importanti.

Se qualcuno mi avesse detto: "Oh, dovresti fare X", probabilmente non l'avrei fatto comunque.

Jeroen: Se dovessi ricominciare da capo, ci sarebbe qualcosa che faresti in modo significativamente diverso o sei semplicemente "senza rimpianti"?

Adam: Non c'è nulla di particolare che sia stato significativo come "Oh, abbiamo sprecato un anno per questo o quello".

Credo di aver avuto un'idea molto chiara di dove volevo portare questa attività fin dall'inizio. Sapevo molto, molto, molto presto cosa volevo. Un reddito automatico.

Doveva basarsi sull'acquisto di un prodotto o qualcosa di simile. Tutto qui. Non deve dipendere dal mio tempo o dal tempo di qualcuno che pago. Questo è stato molto importante per me. Tutto ciò che abbiamo fatto negli ultimi 10 anni come azienda è stato orientato verso questo punto.

Siamo passati dalla progettazione di siti web alla progettazione di software, alla creazione del prodotto Better Proposals e infine alla chiusura di tutto il resto.

Credo che se avessimo fatto tutto questo prima, saremmo stati stupidi. Se avessimo tagliato molto presto la nostra attività di servizi ai clienti, non avremmo avuto i soldi per costruire l'Better Proposals come abbiamo fatto. E se non l'avessimo costruito con la qualità che abbiamo ottenuto, non sarebbe stato il prodotto che è oggi e non sarebbe stato in grado di resistere alle circa 5000 persone che abbiamo assunto con AppSumo e alle diverse migliaia di altre che abbiamo assunto da allora e anche prima.

Non avremmo fatto un buon lavoro su nulla. Quindi non voglio dire: "Oh, non abbiamo mai commesso errori", ma in termini di processo generale credo che abbiamo fatto tutto bene. Certo... Ma, in termini di processo generale, credo che abbiamo fatto le cose per bene.

Jeroen: Ultima domanda: qual è il miglior consiglio che ha ricevuto?

Adam: Non so se c'è un consiglio che qualcuno mi ha dato, ma non fare cose che non vuoi fare. Beh, a volte devi farlo, ma questo è il quadro generale. Se fare una cosa di merda porta a 10 cose belle, forse ne vale la pena.

Per dirla in modo migliore: non fate nulla che non vogliate fare con costanza per un certo periodo di tempo, perché non ne vale la pena. Drena tutta la vostra creatività. Drena tutta la vostra energia. Fare cose che non si vogliono fare è una vera e propria sofferenza per l'anima.

Nutro un enorme rispetto per chiunque costruisca un'attività secondaria al di fuori del proprio lavoro quotidiano. Andare a lavorare dalle nove alle cinque, lasciare il lavoro svuotato e poi tornare a casa e iniziare a codificare o a commercializzare un nuovo progetto, o a scrivere o qualsiasi cosa tu stia facendo... farlo dopo che ti è stata risucchiata l'energia per tutto il giorno, è assolutamente enorme. Rispetto enorme per chiunque lo faccia. Sono abbastanza sicuro che a questo punto non potrei farlo.

Non fare qualcosa che non vuoi fare. Questa è probabilmente la cosa più importante che direi. Tutto il resto deriva da questo. Ricordate: è la vostra vita. Cerca di non avere troppe cose che ti spingono in una direzione che non vuoi prendere.

Sono stato super fortunato perché ho una co-fondatrice incredibilmente solidale che sa quando assecondare le mie stupide idee mentali e quando dire: "Adam, smettila di fare l'idiota". Grazie a lei ho trovato questo equilibrio. Avere buone persone intorno a te è importantissimo. Sono molto grato per questo.



Ci auguriamo che questo episodio vi sia piaciuto.

Se l'hai fatto, recensiteci su iTunes! 😍

Per ulteriori informazioni su startup, crescita e vendite

👉 iscriviti qui

👉 segui @salesflare su Twitter o Facebook

 
Jeroen Corthout