Quello che dovete sapere su Google per una ricerca ottimale delle parole chiave per la SEO

Non sto facendo la drammatica quando dico che la SEO non esiste senza parole chiave.

La ricerca delle parole chiave è il fondamento stesso della SEO. Non c'è modo di ottimizzare il vostro sito web e i vostri contenuti se non sapete quali sono le parole chiave a cui vi rivolgete. Sono la bussola della vostra strategia.

Ora, non è necessario essere un esperto di SEO per trovare un enorme elenco di parole chiave a cui puntare. Sapere cosa serve per posizionarsi in alto per ognuna di esse è un'altra storia. Poiché la maggior parte degli esperti di marketing utilizza gli stessi strumenti per trovare le parole chiave (sì, sto guardando te, Google Keyword Planner), molti siti web finiscono per lottare per le stesse parole chiave.

Che dire quindi di quei costosi strumenti di ricerca delle parole chiave di siti come Moz.com, Ahrefs e SEMRush? Non vi dicono quanto è difficile posizionarsi #1 per una determinata parola chiave -difficoltà della parola chiave? Non proprio. Sebbene questi strumenti possano darvi un'idea, non sono mai 100% accurati. Nonostante quello che vogliono farvi credere.

Perché? Vi svelo un piccolo segreto.

Perché nessuno sa come Google classifica le pagine.

What we do know is that it uses over 200 different factors, of which the three most important are links, content and RankBrain (its fresh AI-algorithm). Not necessarily in that order. What we also know is that Google is continuously experimenting with machine learning and new AI-algorithms. Google’s search engine is thus in a constant stage of mutation, with very few to no certainties for us to build our SEO strategies on.

Siamo condannati all'eternità? Non proprio, possiamo ancora avvicinarci a ciò che Google sta facendo e utilizzare queste informazioni quando impostiamo le strategie SEO. Dovrebbe comunque contare qualcosa, no?

Cosa cerca Google? 🔎

Iniziare con i link 🔗

Per cominciare, dovrete scoprire le pagine che occupano i primi posti in classifica per la vostra parola chiave. E, cosa più importante, il numero di backlink di queste pagine.

In questo esempio, scegliamo dire wolf (sì, mi piace Game Of Thrones). In questo post utilizzerò il Keyword Explorer di Ahrefs, ma potete fare più o meno le stesse cose con strumenti simili di Moz.com e SEMRush. Nessuno di questi strumenti è gratuito, ma tutti offrono una prova gratuita per iniziare.

Siamo interessati ai risultati della SERP. Per chi non lo sapesse: SERP è solo un modo più breve (e più cool) per dire Pagina dei risultati dei motori di ricerca. In fondo al Keyword Explorer di Ahrefs.

Panoramica delle pagine dei risultati dei motori di ricerca

La prima cosa che noterete è l'importanza dei domini. Più domini si collegano a una pagina, più Google la posizionerà in alto nei risultati di ricerca. Questa è la regola numero 1.

Non si tratta però di privilegiare la quantità rispetto alla qualità. Infatti, 10 link provenienti da un sito web con un'elevata autorità classificano la pagina più in alto rispetto a 100 link provenienti da un sito web con bassa autorità. Ecco perché il numero di link del dominio non scende linearmente dalle posizioni 1 a 10. L'autorità del dominio è indicata da UR o URL Rating.

Come si può notare, l'UR ha un impatto maggiore sul posizionamento della pagina rispetto al numero di domini che la collegano. Ciò ha senso in quanto l'UR stesso è determinato dalla qualità dei domini che lo collegano. È una metrica più complessa e aggregata rispetto al numero di domini.

Quindi, per ottenere un posizionamento elevato, avete bisogno di molti link e non di un link qualsiasi: di link provenienti da siti web di alta qualità. È probabile che stiate già pensando a Non dire cazzate Sherlock , ma abbiate pazienza. La quantità di link è importante per il posizionamento di una pagina, rendendo difficile per le startup competere con le aziende più grandi in ambito SEO, ma non è tutto.

Il contenuto è il re 📝

Potete superare le pagine con un maggior numero di backlink se il vostro contenuto è più rilevante per la parola chiave a cui vi rivolgete. Diamo un'occhiata alla parola chiave espresso.

Il pezzo di Wikipedia sul espresso in cima alla classifica non è una sorpresa. Quello che succede poi è più interessante. Come fanno due pagine con un numero di backlink piuttosto basso a superare una pagina con 2336 domini che la linkano? Diamo un'occhiata più da vicino.

MacRabbit Espresso si rivela essere un software di produttività, non un caffè. In base al contenuto associato alla parola chiave espresso, Google sa che è più probabile che l'utente stia cercando un caffè piuttosto che un software. Infatti, le due pagine che occupano il primo posto in classifica sono molto in tema quando si parla di espresso e caffè.

Tuttavia, è curioso che una pagina con solo sei domini di collegamento superi altre pagine che sono chiaramente dedicate all'espresso. Diamo un'occhiata al suo profilo di backlink.

Tutti e sei i backlink sono apparsi di recente. Questo ci porta a un altro fattore che Google prende in considerazione quando classifica le pagine: il ritmo con cui una pagina raccoglie backlink. Abbiamo finito? Non esattamente. In effetti, abbiamo appena scalfito la superficie di come Google classifica le pagine. Ecco altri fattori a cui Google presta attenzione:

  • Posizione del link nella pagina. È probabile che il link venga notato o che invii traffico?
  • Testo di ancoraggio del link
  • Testo circostante il link
  • Quantità di altri backlink sulla pagina
  • Quanti altri backlink ci sono nella pagina?
  • Il ritmo con cui la pagina viene acquisire backlink
  • ... chissà cos'altro

Torniamo a espresso e alla rilevanza dei contenuti. Quello che abbiamo imparato è che è possibile superare le pagine con molti link se il contenuto è più rilevante per la query di ricerca. Tuttavia, una mancanza di contenuti rilevanti come quella che abbiamo visto in precedenza è piuttosto rara in Google. Di solito, le pagine ai primi posti per una query di ricerca hanno contenuti molto rilevanti. Al massimo, ci saranno pagine in cima con contenuti leggermente imperfetti. Questo vi darà un vantaggio competitivo di gran lunga inferiore quando mirate alle parole chiave.

La domanda ora è: come si fa a sapere se le pagine che occupano le prime posizioni per la propria parola chiave sono prive di contenuti rilevanti? E come si fa a rendere la propria pagina il più rilevante possibile per la parola chiave agli occhi di Google?

L'attualità batte i titoli ☝️

È ancora diffusa l'idea errata che, se si utilizza una parola chiave nel titolo della pagina, è probabile che le pagine che non la utilizzano vengano superate nel ranking. Questo poteva essere vero nel 2010, ma ora siamo nel 2017. Oggi Google è abbastanza intelligente da conoscere la rilevanza di alcune parole chiave. Ciò significa che non sarete in grado di superare una pagina che utilizza guest blogging nel suo titolo per la parola chiave guest writing semplicemente inserendola nel vostro titolo (dato che l'altra pagina ha più backlink, un UR più alto o entrambi). Google saprà che le due parole chiave sono familiari, così come guest posting (risultato #3).

Non serve a nulla cercare di ingannare Google con titoli e sottotitoli intelligenti. Sa già di cosa parla la vostra pagina. Infatti, da uno studio su 2 milioni di ricerche di parole chiave Ahrefs ha scoperto che circa 75% delle prime 10 pagine classificate su Google non hanno una sola menzione della parola chiave nel titolo.

Come ottenere la massima rilevanza topica 🏆

Se siete alla ricerca di vittorie rapide, devo deludervi. Superare l'attuale top 10 delle pagine solo per i contenuti non è una passeggiata. Ma ehi, non si ottiene nulla per nulla, giusto?

Innanzitutto, dovrete imparare come funziona Google, come interpreta le query di ricerca e le abbina a argomenti che raccoglie da Internet. Se questo vi sembra complicato, è perché lo è.

Per superare tutti in astuzia, dovrete iniziare a studiare le meravigliose modalità di funzionamento di Google. Nonostante la sua straordinaria complessità, Google è ancora una macchina e se capirete come funziona, avrete un vantaggio sui vostri concorrenti. Due cose che dovreste approfondire sono latent semantic indexing (LSI) e latent Dirichlet allocation (LDA). In breve, si tratta del modo in cui Google prende in considerazione le parole chiave correlate alla parola chiave principale, nel contesto. Questo tipo di SEO semantica può generare oltre 25% più clic rispetto alla SEO standard.

Personalmente, mi accontento di saperlo. Preferisco scrivere contenuti per gli esseri umani piuttosto che per soddisfare una macchina. Approcciate cose come LSI e LDA come linee guida, non come dogmi. Penso che dovreste evitare di perdere il contatto con ciò che il vostro pubblico di riferimento vuole leggere, volendo creare un testo perfetto per Google. I vostri lettori sono umani, quindi dovreste esserlo anche voi se volete entrare in contatto con loro. Trovate un equilibrio tra ciò che vogliono leggere e ciò che Google sta cercando.

Ispiratevi alla lettura delle pagine che occupano i primi posti in classifica per una determinata parola chiave ed elencate le altre parole chiave per le quali si posizionano in alto. È probabile che queste parole chiave vengano associate alla vostra parola chiave target da Google. Poi, usate il cervello, lo strumento più potente di tutti. Se leggete le pagine relative a una determinata parola chiave, creerete nella vostra testa un thesaurus interno di argomenti e altre parole chiave. Questo vi permetterà di produrre contenuti di qualità logici, coerenti e pertinenti al vostro argomento.

Conoscere il proprio pubblico 👯‍

Non tutte le ricerche sono state create uguali. Ad esempio, le persone che cercano sondaggi online nel Regno Unito potrebbero non essere alla ricerca della stessa cosa delle persone negli Stati Uniti.

Come è emerso, le persone nel Regno Unito sembrano più interessate ai sondaggi online come modo per guadagnare un po' di soldi. Le persone negli Stati Uniti, invece, tendono a cercare maggiormente strumenti per creare sondaggi online. Questo si chiama intenzione dell'utente ed è un altro caso di Google sa.

Come fa a saperlo? Ancora una volta, non ne siamo sicuri. Ma probabilmente ha a che fare con fattori quali:

  • quanto tempo le persone rimangono su una pagina dopo aver cliccato su di essa dalla SERP
  • se le persone si accontentano dei risultati della loro prima query di ricerca o continuano a raffinare fino a quando non ottengono ciò che cercano
  • se le persone cliccano su un maggior numero di risultati di ricerca e navigano in altre SERP invece di attenersi solo ai risultati principali

Si dice che l'intento dell'utente prevalga sulla pertinenza topica. Quindi, anche se avete la pagina più in tema di tutti i tempi quando si tratta di creare un sondaggio online, probabilmente si posizionerà sotto una pagina che offre denaro per compilare sondaggi. Quindi, dovrete sapere quali sono gli intenti di ricerca delle persone quando cercano una parola chiave nel vostro mercato geografico di riferimento.

Lasciate un segno nella storia 👨‍🎨

Un ottimo modo per capire se una parola chiave è difficile da classificare è verificare se Google è soddisfatto della pertinenza dei risultati di ricerca. È possibile farlo esaminando i risultati delle SERP per la propria parola chiave, in Ahrefs Keyword Explorer o strumenti simili. Se i risultati sono gli stessi da molto tempo, sarà difficile superarli. Se i risultati cambiano spesso, è probabile che Google stia ancora cercando di ottenere i contenuti migliori per i suoi utenti.

Diamo un'occhiata alla cronologia delle SERP per il content marketing. I grafici sottostanti mostrano lo storico delle prime 10 posizioni per

Storia delle pagine dei risultati dei motori di ricerca

E confronta con Marketing su Facebook.

Ora, il mio attuale piano Ahrefs mi consente di tornare indietro solo di sei mesi, quindi i vantaggi sono limitati. Ma il quadro è chiaro. Il Content marketing ha visto una pagina balzare in alto negli ultimi sei mesi, mentre le altre sono rimaste comodamente in cima per un bel po' di tempo. La storia è diversa per il Facebook marketing, con diverse pagine che lottano ferocemente per le prime posizioni.

Fatevi aiutare dagli strumenti 🛠️

Quindi, per scoprire la difficoltà di posizionamento per una determinata parola chiave, si possono prendere in considerazione tutti gli elementi sopra menzionati. Potete anche pagare per utilizzare uno strumento come Ahrefs (o Moz.com o SEMrush) e far sì che il loro Keyword Explorer scopra la difficoltà per voi. Sebbene questa sia l'opzione più semplice, probabilmente non è sufficiente per posizionarsi tra le prime 10. Ahrefs afferma di calcolare queste metriche partendo dal presupposto che Google si basa molto sui backlink per determinare quali pagine debbano posizionarsi tra le prime 10. Ora, come abbiamo appena visto, la difficoltà di posizionamento di un sito è molto alta. Ora, come abbiamo appena visto, c'è molto di più da giocare. La top 10 di Google è un altro campionato, in cui è necessario conoscere tutte le piccole cose strane a cui Google tiene per conquistarla.

Detto questo, uno strumento come Ahrefs può farvi risparmiare molto tempo ed energia nel mettere insieme l'elenco iniziale di parole chiave. Diamo un'occhiata a dire wolf di nuovo.

Ahrefs dice che considera 0-10 facile, 11-30 medio, 31-70 difficile e 70-100 super difficile.

È possibile combinare la difficoltà di KD con i dati relativi alle parole chiave per le quali la pagina ha attualmente un buon posizionamento. Questo dovrebbe darvi un'idea iniziale del potenziale della parola chiave.


Che cosa fai adesso? 🤔

Sebbene tutto questo sia molto bello, non spiega come iniziare la ricerca delle parole chiave.

La prima cosa da fare è fare un brainstorming con il vostro team e stilare un elenco di parole chiave correlate e associate al vostro messaggio principale. Pensate a una sorta di thesaurus di parole che aiutino a raccontare la storia di ciò che volete rappresentare. In questa fase non guardate assolutamente a Google.

Quindi, vagliate tutte queste parole chiave utilizzando i suggerimenti di questo post e alcuni solidi strumenti SEO. Scegliete quelli per i quali è più facile ottenere un posizionamento elevato, ma che allo stesso tempo sono molto rilevanti per l'identità del vostro marchio. Non fate l'errore di reindirizzare tutta la vostra strategia e i vostri contenuti per ottimizzarli completamente per Google. Le persone riconoscono i contenuti unici e di qualità quando li vedono e torneranno a cercarli.

Nei prossimi mesi arriveranno su questo blog altri post sulla SEO e sulla ricerca delle parole chiave in particolare. La maggior parte di essi sarà più pratica (meno teorica) di questo. Questo per essere sicuri di conoscere Google prima di provare a sedurlo.


Speriamo che questo post vi sia piaciuto. Se vi è piaciuto, premete ❤ e spargete la voce! Potete seguirci @salesflare su Twitter per ulteriori informazioni su crm, vendite, growth hacking e startup.

Gilles DC