Perché la diversità e la rappresentanza sono importanti nell'industria tecnologica

Diversità: un tema di cui il mondo tecnologico parla da decenni. Ci sono panel alle conferenze, libri, podcast e molto altro ancora dedicato all'argomento.

Eppure, i numeri sono ancora piuttosto scoraggianti.

 

diversità

 

I gruppi emarginati, in particolare le donne e le minoranze, sono ancora gravemente sottorappresentati nel settore tecnologico.

Perché? E come possiamo risolvere il problema?

Esploriamo. 👇

 

Il dilemma della diversità

Se si guarda ad alcune delle aziende top della Silicon Valley, queste sono in maggioranza maschili e in maggioranza bianche (con la stragrande maggioranza delle aziende che hanno una forza lavoro inferiore a 10% neri e/o Latinx).

Dei $85 miliardi investiti dai venture capitalist nel 2017, solo $1,9 miliardi sono andati a team guidati da donne, per un totale di 2,2%. 👎

E anche le squadre di genere misto (o di genere non confermato) hanno raccolto solo 19% di quella cifra di $85 miliardi.

Per quanto riguarda le disparità razziali nei finanziamenti, c'è un ampio divario nel numero di professionisti degli investimenti neri e latini che lavorano presso i fondi CR - il numero era di 3% nel 2016.

E non abbiamo ancora parlato del divario retributivo. 💸

Le donne che svolgono professioni STEM guadagnano in media $16.000 euro in meno all'anno rispetto ai loro colleghi maschi.

 

non sono una "donna ingegnere"

 

Oppure, se siete neri o latini e lavorate in una professione STEM, potreste guadagnare $14.000 euro in meno del vostro collega bianco.

Notate uno schema? 🤔

 

Come siamo arrivati qui?

Se guardiamo a Brotopia di Emily Chang, un libro perspicace e ben studiato che racconta le principali disparità di genere nella Silicon Valley, non è sempre stato così.

Al momento dell'introduzione del Macintosh negli anni '80, le donne ottenevano il 40% delle lauree in informatica. 👩‍💻

A questo punto, le donne pioniere della tecnologia erano numerose. Dopo tutto, la prima riga di codice per computer fu scritta da Ada Lovelace negli anni '40 del XIX secolo.

Ma poi c'è stato un cambiamento.

 

libro brotopia

 

"Proprio quando i computer hanno iniziato a diffondersi, la partecipazione delle donne al settore ha iniziato a crollare", scrive Chang.

Nell'ultimo decennio circa, la percentuale di donne laureate in informatica è rimasta stabile intorno al 22%.

Naturalmente, i fattori in gioco sono molteplici.

Va oltre il sessismo o il razzismo. Negli uffici delle aziende tecnologiche si verificano continuamente microaggressioni, ma ciò che è frustrante è che a volte possono essere difficili da individuare o da far notare.

Ad esempio, le donne ingegnere devono affrontare 35% un maggior numero di rifiuti del loro codice.

Da un punto di vista aneddotico, un altro esempio è rappresentato dai famigerati VC che organizzano feste che metterebbero a disagio le donne, anche se ovviamente per gli uomini è solo un modo per vedere se gli imprenditori sanno "stare insieme".

La mancanza di modelli di ruolo può essere un altro fattore. Ci sono poche, pochissime donne e minoranze ai vertici delle aziende tecnologiche.

 

mancanza di diversità nel settore tecnologico

 

Si può anche parlare di dubbio interiorizzato. Molte persone emarginate, se non tutte, in un modo o nell'altro, sono socializzate ed educate in modi sottili nel corso della loro vita a dubitare di se stesse (fortunatamente, questo problema viene affrontato da organizzazioni come Endeavor - visitatelo!).

Questo può spesso manifestarsi sotto forma di "sindrome dell'impostore", un fenomeno che descrive la sensazione di non meritare il proprio successo, di essere un "impostore".

Il fenomeno colpisce in modo sproporzionato le donne e le minoranze, ma in una cultura aziendale che incoraggia le persone a vendere idee e a gonfiare il proprio valore, questo è problematico.

 

fare meglio

 

Ci sono, ovviamente, anche molti altri fattori tangibili e intangibili. L'educazione di una persona può influire notevolmente sul modo in cui essa percepisce il proprio percorso professionale.

Per esempio, qualcosa di apparentemente innocuo come dare bambole alle bambine e Lego ai bambini può esacerbare ulteriormente i ruoli di genere obsoleti. 🙅‍♀️

Ma detto questo, come sarebbe il mondo della tecnologia se fosse più diversificato?

 

C'è del vero nei numeri

Al di là dell'ovvia mentalità "è la cosa giusta da fare" di avere una maggiore diversità e rappresentanza nel mondo tecnologico, ha anche un buon senso commerciale.

Uno studio di McKinsey & Company ha rilevato che le aziende nel primo quartile per diversità di genere o razziale ed etnica hanno "maggiori probabilità di avere rendimenti finanziari superiori alla media nazionale di settore".

E il quartile inferiore di queste dimensioni? Hanno statisticamente meno probabilità di ottenere questi rendimenti.

 

Dwight dice: "È vero".

 

Come si legge nei risultati, "la diversità è probabilmente un fattore di differenziazione competitiva che sposta nel tempo le quote di mercato verso le aziende più diversificate".

Da un punto di vista finanziario, secondo Forbes, le donne imprenditrici del settore tecnologico sono in grado di generare 20% di ricavi in più rispetto alle loro controparti maschili, nonostante abbiano avviato le loro aziende con 50% di capitale in meno. 💪

Inoltre, la Commissione europea calcola che, grazie all'ulteriore inclusione delle donne che lavorano nel settore tecnologico, il PIL dell'UE potrebbe ricevere un impulso annuale di 16 miliardi di euro.

I numeri sono ancora più incredibili negli Stati Uniti. Nel rapporto Intel's Decoding Diversity si conclude, come abbiamo già visto, che la diversità porta a maggiori ricavi, profitti e valore di mercato.

 

statistiche sulla leadership femminile nel settore tecnologico

 

Ma va anche oltre: migliorando la diversità e inclusione etnica e di genere nella forza lavoro tecnologica statunitense, si potrebbero creare tra $470 miliardi e $570 miliardi di nuovo valore per il settore.

Sono molti zeri. 😲

 

Andare oltre i numeri

Allora, perché la diversità porta risultati migliori?

Perché la somiglianza uccide l'innovazione.

La diversità nel modo in cui i team pensano e risolvono i problemi produce un successo maggiore.

Una migliore rappresentanza dei gruppi emarginati è fondamentale per trovare le giuste soluzioni alle sfide, per il pensiero creativo e per il successo generale dei clienti.

Quando i membri del team sono troppo simili, le cose possono sfuggire o essere trascurate.

Mettiamola così: le squadre eterogenee vincono più spesso e con maggiore continuità.

Inoltre, avere team più eterogenei significa che l'azienda è al servizio di tutti i clienti, non solo di se stessa.

Il mondo è pieno di persone con una pletora di background e prospettive diverse. Per creare e costruire un'azienda che sia al servizio di tutti, i team devono ascoltare chi ha esperienze diverse.

 

Dove andiamo a finire?

Ci sono già alcune aziende e organizzazioni governative che stanno spingendo per una maggiore rappresentanza nell'industria tecnologica, ma bisogna andare oltre (e non limitarsi a semplici quote).

Tornando alla Brotopia di Cheng, suggerisce:

  • nomina di donne nei consigli di amministrazione,
  • assunzione di un maggior numero di donne partner
  • e l'assunzione di un maggior numero di donne venture capitalist.
  • Lo stesso dovrebbe essere fatto per tutti i gruppi emarginati, ovviamente.

Ma soprattutto: l'industria tecnologica deve smettere di incolpare tutti gli altri per il problema. 😕

Nella Silicon Valley, il fallimento è qualcosa che viene celebrato perché può aiutare a imparare (e alla fine ad avere successo). Tuttavia, i gruppi emarginati sono stati bocciati dall'industria tecnologica per troppo tempo.

 

pollice in giù

 

Come spiega Cheng, "è ora che il settore se ne appropri".

I dati hanno dimostrato più volte che una forza lavoro più diversificata non solo è più efficiente e redditizia, ma offre anche alle aziende la possibilità di ascoltare prospettive che prima non erano presenti.

È fondamentale che le aziende facciano sentire più voci intersezionali in tutto il settore tecnologico, soprattutto nelle funzioni di leadership, e che incoraggino una maggiore diversità per garantire la creazione di soluzioni e tecnologie per il mondo moderno, che è pieno di persone provenienti da diversi ambienti di vita.

Risolveremo il problema con questo singolo post? Ovviamente no.

Ma dobbiamo tenere queste conversazioni. E, cosa ancora più importante, dobbiamo fare qualcosa al riguardo. 🗣

 

andate, fate qualcosa!

 

Possiamo parlare ai panel sulla diversità fino a quando le nostre facce non diventeranno blu, ma fino a quando i vertici del mondo tecnologico non incoraggeranno e guideranno la conversazione - e non intraprenderanno azioni significative per il cambiamento - le cose rimarranno allo status quo.

E, beh, questo è solo un cattivo affare. 🤷‍♀️

 

Speriamo che questo post vi sia piaciuto. Se vi è piaciuto, spargete la voce!

Per ulteriori informazioni su startup, growth marketing e vendite:

👉 iscriviti qui

👉 segui @salesflare su Twitter o Facebook

Ali Colwell